Le lezioni in Ucraina contraddicono i paradigmi militari ereditati dalla Guerra del Golfo

Pochissimi, la sera del 24 febbraio 2022, data dell'inizio dell'offensiva russa in Ucraina, avevano immaginato che dopo 3 settimane di guerra le forze russe avrebbero compiuto così pochi progressi nel Paese, a costo di perdite così pesanti... Così, un articolo pubblicato di nascosto sul cosiddetto tabloid filo-Cremlino Komsokolskaja pravda ieri, riportava quasi 10.000 morti e oltre 16.000 feriti all'interno dell'esercito russo secondo il suo staff, questo non tenendo conto delle perdite dei suoi ausiliari Wagner e ceceni . Anche se tali accuse possono essere discutibili, va riconosciuto che questo livello di perdite umane è coerente con quello delle perdite materiali osservate e documentate dall'inizio di questa guerra. Come abbiamo studiato in un articolo di ieri, parte di questo relativo (e non definitivo) fallimento degli eserciti russi lo è imputato a una cattiva strategia iniziale durante le prime due fasi di questa operazione militare, il primo mirava a decapitare il potere ucraino, il secondo a far saltare in aria le difese del Paese, entrambi falliti.

Tuttavia, questi fallimenti, se sono da attribuire anche all'ottima strategia e al coraggio dei difensori ucraini, sollevano interrogativi su alcuni paradigmi che hanno valore di dogma sia all'interno dell'esercito russo che occidentale, e devono quindi sfidarci sul realtà della potenza percepita degli eserciti europeo e occidentale in vista del feedback di queste prime 3 settimane di combattimento. In questo articolo analizzeremo i paradigmi più importanti al centro del modello degli eserciti occidentali e russi, violati da questa guerra, e che quindi devono essere profondamente e rapidamente rivalutato per mantenere una postura difensiva convenzionale efficace in Europa e nel mondo.

1- Il volume delle forze soppianta il vantaggio tecnologico

Per molti decenni, tutte le accademie militari del pianeta hanno insegnato ai loro giovani ufficiali la regola d'oro di un'offensiva di successo, che è avere forze 3 volte maggiori di quelle del difensore per sconfiggerli. Ma dalla prima guerra del Golfo del 1991, e dal travolgente successo dell'offensiva della coalizione contro le forze irachene, che tuttavia contava quasi tanti uomini e mezzi corazzati quante le forze attaccanti, questo dogma è stato alterato dal concetto di "moltiplicatore di forza" o potere legato a un gradiente tecnologico favorevole all'uno o all'altro degli avversari. In altre parole, la tecnologia stava diventando concettualmente una valida e misurabile alternativa alla massa, questo avendo generato una corsa frenetica in Occidente per sempre più tecnologie a bordo di equipaggiamenti militari. E se le campagne in Afghanistan, Iraq e anche in Mali hanno mostrato i limiti di questo paradigma, oggi è essenziale come cuore della moderna programmazione militare, anche in Russia.

Le colonne russe nel nord del paese furono metodicamente colpite e molestate dalla fanteria ucraina altamente mobile in grado di utilizzare percorsi di movimento impraticabili per le unità meccanizzate russe

Dispiegando "solo" 200.000 uomini intorno a un'Ucraina le cui forze armate schieravano anche 200.000 combattenti ed era probabile che facessero affidamento su una riserva di oltre 400.000 uomini e donne, alcuni dei quali avevano avuto esperienza di combattimento nel Donbass negli ultimi anni, Mosca stava ovviamente facendo una scommessa simile a quella dell'Occidente, certo che il suo vantaggio tecnologico, come quello conferito dalle sue forze professionalizzate, sarebbe stato sufficiente per ottenere il vantaggio sui difensori ucraini, e per vincere la decisione con la stessa rapidità degli eserciti della coalizione fatto nel febbraio 1991. Ovviamente si trattava di un grave errore, e la situazione attuale ne è la perfetta dimostrazione. Nonostante il suo innegabile vantaggio tecnologico sugli eserciti ucraini e le unità presentate come professionalizzate al 70%, i moltiplicatori di forza erano ben lungi dal compensare la mancanza di massa e hanno persino esposto seriamente la capacità dell'esercito russo di mantenere il suo sforzo a lungo termine di fronte a le perdite subite.

Tuttavia, l'offensiva russa non è stata del tutto inefficace e il suo progresso nel sud del paese mostra chiaramente che, con forze equivalenti, alcuni moltiplicatori di potenza possono effettivamente dare all'attaccante un vantaggio significativo. La questione ora è sapere perché il principale asse strategico dell'offensiva russa si è impantanato nel nord del Paese, mentre l'asse secondario, a sud, è riuscito a progredire per diverse centinaia di chilometri, al punto da riuscire ad impadronirsi di alcuni grandi città come Kherson, e per circondare il porto di Mariupol. Possiamo quindi pensare che la natura del terreno e le condizioni meteorologiche nel sud dell'Ucraina offrissero opportunità più favorevoli all'avanzata russa, o che la rete stradale fosse più adatta per una manovra rapida. Tuttavia, nulla indica che il significativo gradiente tecnologico esistente tra gli eserciti russi e i difensori ucraini abbia giocato in modo decisivo a favore dei primi, indipendentemente dal teatro dell'operazione, e che sia effettivamente la massa dei combattenti ucraini, nonché come la loro capacità di adattarsi al terreno e alle tecnologie disponibili, che hanno reso infrangono le certezze dello stato maggiore russo, e con esse le speranze di una rapida vittoria come nella Guerra del Golfo.

2- La fanteria, regina delle battaglie


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE