La Russia si sta dirigendo verso una guerra di logoramento in Ucraina?

Dall'inizio della sua invasione dell'Ucraina, gli eserciti russi hanno incontrato molte difficoltà, in parte legate all'evidente mancanza di prestazioni ed efficacia delle proprie forze, ma anche all'eccezionale combattività e intelligence tattica degli stessi ucraini. Infatti, nonostante un vantaggio molto marcato in termini di potenza di fuoco, tecnologia e capacità aeree, le prime 3 settimane di questa guerra in Ucraina sono state segnate da una difficile avanzata degli eserciti russi nel paese, e perdite di un'intensità dimenticate dal Secondo Guerra Mondiale o Guerra di Corea. Così, in 24 giorni di combattimento, gli eserciti di Mosca persero tra i 20.000 e i 35.000 uomini secondo le stime, di cui da 6 a 9000 uccisi, ma anche più di 750 veicoli blindati di cui 260 carri armati pesanti (documentati), una quindicina di aerei da combattimento e più del doppio degli elicotteri, oltre a più di 500 veicoli logistici, ovvero il 20% del sistema inizialmente dispiegato in tutto il Paese, e quasi il 10% del personale e dell'equipaggiamento degli stessi eserciti russi. Anche il suo comando fu duramente colpito, con la confermata perdita di 5 generali (più un generale ceceno) tra cui un tenente generale, l'equivalente dei nostri generali di divisione, oltre a quasi 3 dozzine di colonnelli e tenenti colonnelli, per la maggior parte dei comandanti di corpo .

Se ora sembra esclusa l'ipotesi di un'invasione globale dell'Ucraina, e l'istituzione di un governo di comodo allo stivale del Cremlino, le autorità russe hanno, a quanto pare, impegnato i loro eserciti in una nuova strategia, potenzialmente molto più difficile per contenere i difensori ucraini. Per comprendere questo sviluppo, e i rischi che ora gravano sull'Ucraina, forse in modo meno visibile ma per tutto ciò molto più pressante, è fondamentale tornare alle 3 grandi fasi che, fino ad ora, hanno segnato questa guerra, e il La strategia del Cremlino per soggiogare l'Ucraina e il suo popolo.

Fase 1: il fallimento della strategia della decapitazione

Nelle prime ore del conflitto, il 24 febbraio, la strategia adottata dagli eserciti russi sembrava essere molto efficace. Dopo aver convinto gli ucraini che la maggior parte della spinta russa sarebbe arrivata dalle repubbliche indipendenti del Donbass con l'obiettivo di impadronirsi di tutte le Oblast' di Luhansk e Donetsk, le forze russe hanno effettuato tre massicci attacchi che, in qualche modo, hanno sorpreso lo stato maggiore ucraino: uno nel a sud del paese dalla Crimea al Dnepr e alla città di Kherson, l'altro alla città di lingua russa di Kharkiv e il terzo a Kiev e alla potenza ucraina. Come ora sappiamo, l'obiettivo di questa strategia era duplice. Da un lato, prendendo massicciamente città di lingua russa come Kharkiv e Kherson, gli eserciti russi speravano di poter legittimare il loro intervento sulla scena internazionale e nazionale, mostrando scene paragonabili a quelle seguite all'intervento in Crimea nel 2014. Inoltre, con una complessa azione aviotrasportata che includeva la cattura dell'aeroporto di Hostomel nel nord di Kiev da parte delle forze speciali, quindi con il dispiegamento di una significativa forza aviotrasportata a Kiev attraverso questo aeroporto, Mosca voleva prendere il controllo di tutti i centri ucraini del potere, e probabilmente i suoi rappresentanti politici, come i membri della Rada, il parlamento ucraino, il sindaco di Kiev e il presidente Zelensky.

L'offensiva delle forze speciali russe sull'aeroporto di Hostomel il primo giorno del conflitto è stata il culmine della prima fase fallita della strategia russa di decapitare politicamente il paese.

Questa strategia si è rivelata un errore monumentale, poiché non solo le forze speciali ucraine sono riuscite a respingere l'assalto russo all'aeroporto di Hostomel, annullando le possibilità di un grande assalto aereo, ma le città di Kharkiv e Kherson non hanno accolto le forze russe con entusiasmo, e si oppose invece a una resistenza molto importante, al punto che 3 settimane dopo l'inizio dell'operazione, Kharkiv rimane sotto il controllo ucraino, e Kherson, sebbene caduta in mano russa, continua ad essere teatro di una forte resistenza civile su parte dei suoi abitanti. Alla fine, salvo che nel sud del Paese per raggiungere il Dnepr, la prima fase dell'offensiva russa fu un clamoroso fallimento, che permise alle autorità ucraine di galvanizzare il morale e la resilienza dell'intera popolazione, ma anche di convincere gli occidentali , europei in testa, che l'Ucraina non cadrà così facilmente come previsto, e che era quindi necessario e utile perseguire una politica di severe sanzioni contro la Russia e di sostegno militare agli attaccati.

Fase 2: lo stallo della strategia di saturazione


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE