Con 3 SSBN in mare, la posizione di deterrenza francese ai massimi livelli dal 1983

Vi sono segnali inequivocabili del livello di tensione esistente tra Occidente e Russia, sullo sfondo dell'aggressione russa in Ucraina. Così, appena pochi giorni dopo il lancio di quella che viene presentata da Mosca come una "Operazione militare speciale", e che ovviamente si sta trasformando in un incubo per gli eserciti russi, il Cremlino aveva annunciato l'accresciuta allerta delle sue forze di deterrenza. Se all'epoca le potenze nucleari occidentali non avevano sollevato pubblicamente la minaccia per non aggravare la situazione, hanno comunque tratto le proprie conclusioni. Così, lo impariamo oggi La Francia ha schierato in mare 3 dei suoi 4 sottomarini con missili balistici a propulsione nucleares, le navi chiave della deterrenza francese, ciascuna con a bordo 16 missili intercontinentali M51 in grado di trasportare da 6 a 10 testate nucleari da 100 Kt, un livello di deterrenza mai raggiunto dalla crisi degli euromissili nel 1983, spesso considerata una delle due culmine della Guerra Fredda con la Crisi missilistica cubana nel 1962.

In tempo di pace, la Marina francese schiera permanentemente un unico SSBN in mare per garantire la sicurezza della Francia. Una seconda nave dello stesso tipo è tenuta in allerta e deve essere in grado di salpare entro 24 ore in caso di crisi. La terza nave assicura un'allerta di 30 giorni e il suo equipaggio è in addestramento. Infine, l'ultimo edificio è in fase di manutenzione programmata. Accanto agli SSBN della Strategic Oceanic Force, o FOST, due squadroni dell'Air e Space Force, il 1/4 Gascogne e il 2/4 Lafayette equipaggiati con Rafale B appositamente adattati per la missione nucleare, forniscono la componente aerea di deterrenza, con il capacità di colpire un bersaglio a diverse migliaia di chilometri di distanza con i loro missili supersonici ASMPA. Infine, anche l'aviazione navale francese ha la capacità di implementare questo stesso missile da alcuni Rafale M imbarcati a bordo della portaerei Charles de Gaulle. Oggi, ovviamente, tutte queste capacità deterrenti francesi sono in allerta, anche se non sappiamo se i missili ASMPA fossero effettivamente a bordo del Charles de Gaulle oggi in missione nel Mediterraneo.

Ogni SSBN francese della classe Triomphant trasporta 16 missili SLBM M51 con una portata di 10.000 km in grado di trasportare da 6 a 10 veicoli autonomi di rientro atmosferico che trasportano una carica nucleare di 100 Kt.

Questa rivelazione arriva mentre l'intervento militare russo in Ucraina continua a incontrare una forte resistenza da parte dei difensori ucraini e che su diverse linee di contatto, sembra persino che l'iniziativa abbia cambiato schieramento. Così, le forze armate ucraine sono riuscite, nei giorni scorsi, a compiere alcune azioni brillanti, come ad esempio la distruzione di più di una dozzina di elicotteri dell'aeronautica russa nella base aerea di Kherson, o il rilascio del sindaco di Melitopol dalle mani delle forze russe. Soprattutto, le perdite russe continuano ad accumularsi oltre ciò che la forza militare dispiegata non può sostenere. Così, secondo l'intelligence statunitense, sono più di 7000 i soldati russi che hanno perso la vita dal 24 febbraio in Ucraina, per un totale di perdite stimabili in più di 25.000 uomini tenendo conto dei feriti, dei prigionieri (Ucraina annuncia più di 1.000 prigionieri di guerra) e diserzioni.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE