La Russia può ancora imporsi militarmente in Ucraina?

"L'operazione militare speciale in Ucraina procede secondo i piani". Così il generale Igor Konashenkov, portavoce del ministero della Difesa russo, ha presentato il suo briefing quotidiano ieri, giovedì 10 marzo, dopo 15 giorni di guerra. Tuttavia, molte informazioni contraddicono radicalmente questa affermazione e sembra, al contrario, che questa operazione militare, che doveva essere solo una formalità per il superpotente esercito russo, si stia trasformando in un vero e proprio pantano per Vladimir Putin. Di fronte a terribili perdite di uomini e materiali, una progressione difficile, linee dilatate, una resistenza ucraina molto più efficiente e determinata del previsto, nonché una risposta e una mobilitazione occidentale che hanno sorpreso gli stessi europei, il Cremlino è ora costretto a fare appello le sue ultime riserve ma anche su ausiliari ceceni e siriani per cercare di ottenere una decisione militare sempre più lontana, e per mobilitare nuovamente la sua potente propaganda per minacciare l'uso di attacchi di distruzione di massa. In queste condizioni, la Russia può ancora sperare di imporsi militarmente in Ucraina?

Le cifre avanzate sulle perdite russe sono altalenanti secondo le fonti, gli ucraini annunciano oltre 12.000 morti sulla base delle analisi dei video ripresi dai droni, dove più cauto annuncia il Dipartimento della Difesa americano Da 5.000 a 6.000 morti in combattimento all'interno degli eserciti russi. Altre fonti indirette provenienti dai servizi di intelligence europei stimano queste perdite oltre i 7000 uomini. Anche sulla base di una bassa ipotesi di 4.000 uccisi, ciò implica che quasi 20.000 soldati russi furono messi fuori combattimento durante le prime due settimane di combattimento, tenendo conto dei feriti, dei prigionieri e delle diserzioni. Tuttavia, un tale livello di perdita equivale al 10% di tutte le forze raccolte intorno all'Ucraina prima dell'invasione e a oltre il 15% di perdita per le unità combattenti impegnate in Ucraina. Allo stesso tempo, gli osservatori dell'OSINT hanno documentato la perdita di oltre 1000 pezzi di equipaggiamento russo nello stesso periodo, con più di 150 carri armati e 400 veicoli corazzati da combattimento di fanteria e il trasporto di truppe russe distrutte, abbandonate o catturate, ancora una volta un tasso di abbandono di oltre il 15% rispetto al dispiegamento iniziale osservato.

Le forze russe hanno già perso quasi 200 carri armati pesanti in questo conflitto (documentato), 1/6 delle forze schierate nel paese prima dell'offensiva

Un tale livello di perdita potrebbe essere accettabile per Mosca, anche se rappresenta un logoramento maggiore di quello registrato durante l'intervento sovietico in Afghanistan per più di un anno, se la decisione militare fosse vicina. Ma non è così, anzi. A causa della strategia messa in atto dallo Stato Maggiore russo per questa offensiva, ma anche del suo calendario, le forze russe sono infatti molto disperse sul territorio ucraino, e non sono in grado di radunare forze sufficienti per svolgere operazioni decisive contro i punti di fissazione organizzati attorno al molte città ucraine. Da quel momento in poi, l'avanzamento delle forze russe fu molto più lento e difficile di quanto lo Stato Maggiore avesse immaginato, anche sui principali assi offensivi come a nord verso Kiev, o nel nord-est intorno a Kharkiv. Congelato anche il fronte del Donbass, mentre la manovra al sud deve ora affrontare problemi logistici e di massa critica per svolgere le sue offensive simultanee contro Mariupol, Zaporizhia e verso Odessa, ogni offensiva ha bisogno delle forze degli altri due per essere decisiva.

Questo problema di massa critica è accentuato dalle difficoltà incontrate dalle forze russe nel mantenere il territorio conquistato, a causa della feroce resistenza degli ucraini, tra cui, e questa è probabilmente una grande sorpresa per Mosca, nelle aree ad alta densità russo- A proposito di. Infatti, gli eserciti russi sono costretti a mobilitare le forze per controllare la popolazione in queste aree presumibilmente catturate, altrimenti la resistenza ucraina potrebbe nuovamente ricostituirsi ai primi segni di debolezza del sistema russo. Così, gli abitanti di Kherson espressero più volte la loro ostilità nei confronti delle forze russe presenti, certamente in maniera pacifica, ma lasciando pochi dubbi sull'evoluzione della situazione se dovessero lasciare la città per sostenere l'offensiva su Odessa Per esempio.

Manifestazione ucraina a Kherson sotto l'occupazione russa

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE