In che modo la guerra in Ucraina trasformerà la pianificazione strategica in Europa?

Solo 3 settimane fa, pochissimi in Occidente credevano che la Russia avrebbe davvero intrapreso una guerra globale di aggressione contro l'Ucraina. Per molti, il dispiegamento delle forze russe intorno all'Ucraina aveva lo scopo di far piegare il presidente Zelensky sulla sua appartenenza alla NATO e sullo status delle repubbliche separatiste del Donbass. Per i più informati, come lo Stato maggiore degli eserciti francesi, e come abbiamo discusso in un articolo del 23 febbraio, i rischi militari e politici associati a tale offensiva non superavano i potenziali benefici, sicché tale decisione appariva irrazionale e quindi improbabile. Dal 24 febbraio e dall'inizio dell'offensiva russa, la situazione geopolitica e di sicurezza in Europa è cambiata radicalmente, ribaltando molte certezze e portando a cambiamenti talvolta radicali di atteggiamento, come quando la Germania ha annunciato uno spettacolare aumento del proprio sforzo di difesa.

al di là di queste importanti implicazioni strategiche, questo conflitto è anche ricco di insegnamenti, come per la nuova natura della guerra moderna, e mette in luce alcuni aspetti finora percepiti in modo diverso o secondario dagli eserciti occidentali e da quelli che ne determinano il destino. In questo articolo analizzeremo molte di queste lezioni che toccano il cuore delle capacità, dei formati e del programma degli eserciti europei, e che ora devono essere prese in considerazione per rispondere alla realtà operativa osservata sul campo di battaglia.

1- La rivalutazione della minaccia convenzionale russa

La sorpresa più grande di questo inizio del conflitto è innegabilmente legata al molti fallimenti che hanno colpito gli eserciti russi. È vero che la resistenza ucraina ha sorpreso, ma la mancanza di efficacia delle unità russe avrà una grande influenza in Europa. Infatti, anche se queste carenze non mettono certamente a repentaglio il successo dell'offensiva in corso, hanno portato a perdite maggiori osservate in due settimane di ingaggio rispetto a quelle registrate durante un anno di guerra in Afghanistan durante l'intervento sovietico dal 1979 al 1989. Inoltre, essendo il conflitto ancora lontano da una conclusione, è probabile che queste perdite russe continueranno ad accumularsi ea deteriorare gravemente lo strumento militare e la manodopera delle forze armate, ostacolando gravemente per molti anni le capacità operative convenzionali russe.

Le perdite russe ora raggiungono i 6000 morti secondo le basse stime del DoD americano, suggerendo che più di 25.000 soldati russi sono stati messi fuori combattimento dall'inizio del conflitto, ovvero quasi il 15% delle truppe impegnate sul suolo ucraino.

Tuttavia, negli ultimi anni, la grande maggioranza delle decisioni di difesa prese dai vertici europei ha assunto un esercito russo efficiente e minaccioso, proprio in campo convenzionale, portando gli europei ad avvicinarsi agli Stati Uniti, percepiti come gli unici in grado di neutralizzare questa minaccia. Ovviamente le cose sono cambiate drasticamente in 2 settimane. Non solo gli eserciti russi mostrano meno efficienza, ma l'intero strumento di difesa russo lotta per supportare un'operazione militare contro un avversario tecnologicamente surclassato e avendo solo una debole profondità strategica.

Questi risultati hanno due importanti conseguenze per la pianificazione e il calendario strategico europeo. Innanzitutto, sembra ormai ovvio che gli europei, in forma di coalizione, siano oggi potenzialmente in grado di contenere un'offensiva convenzionale russa, nonostante i loro mezzi erosi da 30 anni di sottoinvestimenti, e questo senza dover fare affidamento sulla protezione americana . Inoltre, l'Europa ha ora un minimo di dieci anni per ricostruire e dimensionare il proprio strumento di difesa, anche in alcune aree tecnologiche critiche, anche gli eserciti russi dovendo approfittare di questo tempo per ricostituire le proprie forze prima di poter riprendere un capacità sufficientemente significativa da rappresentare una minaccia convenzionale. Infine, gli europei ora sanno di non essere immuni da una minaccia così convenzionale e/o strategica, anche sul proprio territorio, il che spiega gli annunci a cascata della Finlandia, della Bassa, della Slovacchia o addirittura della Polonia, per quanto riguarda l'aumento di il loro sforzo di difesa. Ad ogni modo, ora, e qualunque sia la conclusione del conflitto in Ucraina, gli europei e la Russia saranno impegnati in una corsa al potere militare con una scadenza intorno al 2030.

2- il ritorno della posizione strategica


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE