Le 5 armi occidentali Le forze ucraine hanno bisogno di più oggi

Da 12 giorni ormai, le forze armate e la difesa territoriale ucraine sono riuscite a resistere all'offensiva russa, nonostanteun evidente inasprimento delle regole di ingaggio dell'avversario, quando è ovvio che non avrà alcuna possibilità di una rapida vittoria o di ottenere il sostegno o addirittura la neutralità della stragrande maggioranza della popolazione ucraina. Iniziate prima del conflitto dagli Stati Uniti e da alcuni paesi europei, le consegne di armi alle forze ucraine svolgono ora un ruolo decisivo nella loro capacità di mantenere la pressione sulle unità che prendono parte all'offensiva russa, colpendo efficacemente i convogli di rifornimenti e bloccando alcune offensive, in una strategia di rallentamento e massimo attrito contro l'avversario. Tuttavia, il significativo cambiamento di strategia attuato dalle unità russe, che ora fanno un uso significativo delle loro risorse aeree e di artiglieria, anche contro le aree residenziali, mina le capacità di resistenza ucraine, ottimizzate per scontri a breve termine a distanza.

Per dare ai caccia ucraini i mezzi per contrastare la straordinaria potenza di fuoco delle unità di linea russe, sembra fondamentale avviare la consegna di nuovi sistemi d'arma adeguati a questa nuova realtà tattica, così da consentire agli ucraini di sostenere l'impegno erodendo capacità offensive del nemico, e convincere così il Cremlino della necessità di una soluzione negoziata a questo conflitto, senza dare a Vladimir Putin un pretesto per designare gli europei e, più in generale, gli occidentali, come cobelligeranti, come accadrebbe se Gli aerei da combattimento europei oi veicoli corazzati pesanti, anche operati da equipaggi ucraini, avrebbero dovuto attraversare il confine del paese. In questo articolo presenteremo 5 di queste armi indispensabili agli ucraini per affrontare questa sfida, senza fornire alle autorità russe un pretesto per un potenziale allargamento del conflitto.

1- Munizioni vagabond e missili NLOS

Gli ultimi giorni hanno mostrato che le forze russe stanno ora utilizzando la loro potente artiglieria per superare le difese ucraine, ma anche per cercare di spezzare il morale dei civili, effettuando attacchi a medio raggio imprecisi ma estremamente mortali. Questi sono per lo più azionati da cannoni semoventi 2S19 Msta-S da 152 mm e 2S3 Akatsiya da 122 mm e lanciarazzi multipli BM-21 Grad. Questi sistemi hanno una portata massima che va da 18 km (Akatsiya) a 40 km per il Grad, consentendo di colpire obiettivi ucraini rimanendo fuori dalla portata delle capacità difensive ucraine, anche quando tentano di condurre incursioni di fanteria o forze speciali. Senza capacità di attacco aereo ad eccezione dei droni TB2 efficaci ma vulnerabili contro posizioni preparate e con capacità di controbatteria limitate, le forze ucraine hanno ora un bisogno critico di sistemi d'arma in grado di ingaggiare a medio raggio, tra 5 e 40 km, per essere in grado di neutralizzare, o almeno respingere, le batterie russe che circondano le città.

Il cannone semovente 2S19 Msta-S ha una portata di 25 km

L'Occidente ha due sistemi di questo tipo, atti a rispondere proprio a questa esigenza. Il primo è il Munition Vagabonde, che ha reso brillante dimostrazione delle sue capacità durante la guerra del Nagorno-Karabakh. Questi droni leggeri consentono di affrontare bersagli distanti da diversi chilometri a diverse decine di chilometri a seconda del modello, combinando la resistenza del drone e la sua capacità di ricercare e rilevare bersagli, con una capacità di attacco e distruzione grazie a la testata che distrugge il bersaglio quando il drone lo colpisce, portando alcuni a chiamarli "droni kamikaze". Inoltre, a causa delle loro piccole dimensioni e della velocità ridotta, le munizioni vagabonde sono difficili da rilevare dai sistemi antiaerei e la loro bassa radiazione infrarossa le rende resistenti ai missili terra-aria che impiegano questo tipo di guida. Che sia il Coltello a serramanico di fanteria sviluppato dagli Stati Uniti, la cui portata e autonomia sono ridotte, a munizioni vagabonde più pesanti come l'israeliano Harop in grado di colpire a diverse decine di chilometri, questi sistemi offrirebbero alle forze ucraine capacità di attacco indiretto molto utili per neutralizzare la minaccia dell'artiglieria.

Allo stesso modo, ora esistono anche missili anticarro a lungo raggio in grado di effettuare attacchi indiretti. Questi sono missili NLOS per No Line of Sight, armi che non richiedono una linea di vista contro il bersaglio per sparare, e quindi distruggono un bersaglio rimanendo al riparo. Due sistemi sono attualmente in produzione in Occidente, il francese MMP con una portata di 6 km che può essere utilizzato dalla fanteria, e lo Spike NLOS israeliano con una portata di 30 km ma che richiedono l'implementazione montata sul veicolo. Questi sistemi non solo permetterebbero di ingaggiare unità di artiglieria a distanza di sicurezza, ma potrebbero anche essere utilizzati per eliminare in via prioritaria i sistemi antiaerei a protezione delle unità russe, così da consentire l'uso di droni armati come il TB2 per rimuovere la batteria.

2- Droni da ricognizione leggeri e dispositivi antidrone


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE