Prime lezioni della guerra russo-ucraina

A 5 giorni dall'inizio dell'offensiva russa contro l'Ucraina, è ora possibile comprendere meglio le strategie messe in atto dai vari protagonisti, e apprendere le prime lezioni sulle capacità operative dei belligeranti, e così capire e anticipare meglio i possibili sviluppi in questo conflitto e tensioni in Europa.

Il piano di invasione russa e la strategia difensiva ucraina

Chiaramente, la strategia impiegata dalle forze russe dall'inizio del conflitto risponde a un piano di invasione meticolosamente elaborato e di lunga data. Gli eserciti russi andarono molto vicini a ottenere una totale sorpresa operativa conducendo non una ma 4 offensive, dove lo Stato Maggiore ucraino si aspettava soprattutto un'offensiva contro il Donbass. Infatti, fin dal primo giorno di combattimento, le unità d'assalto russe hanno raggiunto la periferia di Kharkiv a nord, e hanno travolto i difensori ucraini a sud di fronte alla Crimea. Ma l'offensiva più decisiva è stata, da parte sua, condotta direttamente contro Kiev dal territorio bielorusso, cosa per la quale gli ucraini non si erano attivamente preparati. Il piano russo si basava su un'operazione delle forze speciali per impadronirsi dell'aeroporto Antonov di Hostomel 20 km a nord di Kiev, seguita da un assalto aereo dei paracadutisti VDV con la missione di penetrare nella capitale ucraina e quindi decapitare il governo prima che i difensori ucraini potessero reagire .

Notiamo che le colonne ucraine e russe rimangono il più delle volte sulle strade principali ed evitano di entrare nei campi saturi d'acqua a causa dello scioglimento della neve.

L'offensiva russa si basava anche sull'uso massiccio di missili balistici convenzionali e missili da crociera volti a distruggere, sin dalle prime ore dello scontro, le forze aeree e antiaeree ucraine, nonché le capacità di comando e di comunicazione degli eserciti avversari, e molti depositi strategici di munizioni e carburante. Il piano russo prevedeva anche un uso moderato dell'artiglieria e delle capacità di bombardamento tattico per non inimicarsi i civili, ritenendo che la sorpresa strategica, gli attacchi iniziali, la superiorità aerea e la decapitazione delle autorità civili e militari in un'azione sfolgorante che si dichiarava decisiva, sarebbero stati sufficienti neutralizzare la volontà di resistenza degli ucraini.

Da parte ucraina, la strategia difensiva era organizzata soprattutto per contenere un eventuale assalto del Donbass, e gran parte dei mezzi pesanti degli eserciti ucraini erano stati schierati preventivamente sul fronte orientale. Tuttavia, le autorità civili e militari del paese hanno istituito unità di riserva e unità di difesa territoriale assemblate e armate, con l'obiettivo di garantire la protezione delle principali città, comprese Kharkiv e Kiev, ma anche di colpire eventualmente i livelli inferiori e i convogli logistici del Forze russe, una volta passata la principale forza di combattimento. Anticipando importanti attacchi preventivi, l'esercito ucraino ha anche disperso le sue risorse aeree e le sue difese antiaeree, in modo da aumentare la resilienza ai primi attacchi e mantenere le capacità di contestazione dello spazio aereo contro la potenza aerea russa.

Principali difetti nell'offensiva russa

In effetti, gli strateghi russi contavano su un'operazione a brevissimo termine, e una rapida decisione sul conflitto, come è avvenuto durante l'intervento in Crimea nel 2014, nel Donbass nel 2015 o in Georgia nel 2008. Conseguenze Da ciò, sembra che abbiano trascurato molti aspetti determinanti nella preparazione operativa dell'offensiva, che si è trasformata in gravi fallimenti durante gli scontri. Apparve così subito che la maggior parte delle unità impegnate erano nella loro forma organica, e non nella forma di un Battaglione Inter-Arme, cioè un battaglione/reggimento rinforzato con mezzi complementari all'ingaggio come l'artiglieria, la contraerea difesa, ingegneria, ecc. Di conseguenza, il coordinamento inter-armato delle unità russe durante l'offensiva viene svolto oggi essenzialmente a livello di brigata, mentre le offensive tattiche sono state eseguite a livello di battaglione, deteriorando notevolmente le loro capacità operative.

l'offensiva contro l'aeroporto di Antonov è stata un'operazione chiave dell'intervento militare russo, ma non è riuscita.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE