Il conflitto russo-ucraino dopo 36 ore di combattimenti

Mentre l'offensiva russa contro l'Ucraina è iniziata poco più di 36 ore fa, le informazioni sullo svolgimento delle operazioni dei due belligeranti, ma anche la realtà dei combattimenti riferite dalla comunità OSINT e dai pochi giornalisti rimasti sul posto, già permettono di trarre le prime lezioni di questa guerra, ma anche delle capacità operative dei due eserciti.

Più di 160 missili balistici e da crociera sparati in 24 ore

Se le forze russe hanno utilizzato missili da crociera Kalibr lanciati da corvette e sottomarini posizionati nel Mar Nero e nel Mar Caspio durante il loro intervento in Siria, questa è la prima volta che hanno specificamente impiegato una strategia di soppressione a lungo raggio paragonabile a quella tradizionalmente implementata da gli Stati Uniti. Pertanto, le forze russe avrebbero lanciato non meno di un centinaio di missili balistici a corto raggio Iskander durante il primo giorno di combattimento, oltre a una sessantina di missili da crociera di tipo Kalibr lanciati principalmente da navi schierate nel Mar Nero. . Questi attacchi hanno permesso di eliminare alcuni siti strategici e di indebolire la difesa ucraina e il suo coordinamento.

Le basi aeree ucraine sono state particolarmente prese di mira da questi attacchi, 11 delle quali sono state neutralizzate nelle prime ore dello scontro. Sono state eliminate anche le principali difese aeree del Paese, in particolare le batterie missilistiche S-300, senza che sia possibile stabilire con precisione se questo fosse il risultato di missili balistici o da crociera, o di attacchi aerei supportati dalla guerra elettronica. Le forze russe infatti ottennero, in meno di 12 ore, la superiorità aerea su tutto il territorio ucraino, vantaggio decisivo nell'inseguimento delle operazioni. Tuttavia, sembra che tutti gli obiettivi ucraini iniziali non siano stati distrutti.

Bombardamento di Kiev con missili balistici

Pertanto, alcuni video pubblicati oggi mostrano ancora missili russi intercettati dalla difesa antiaerea ucraina. Ancora più sorprendentemente, l'Ucraina è riuscita a lanciare un missile balistico Toshka contro la base aerea di Rostov, che apparentemente ha danneggiato due Su-30. Sembra che il missile sia riuscito a penetrare lo scudo antiaereo e antimissilistico schierato dalle forze russe con 35 brigate antiaeree che circondano l'Ucraina. Inoltre, diversi aerei russi sono stati abbattuti dalle difese antiaeree ucraine, senza che si sapesse se si trattava di missili portatili o dispositivi più grandi. Sembra anche che diversi missili da crociera sarebbero stati intercettati anche oggi dalla difesa antiaerea ucraina intorno a Kiev, il che suppone che almeno una parte di queste difese sia sopravvissuta agli attacchi russi.

Fronti con dinamiche molto diverse

La dinamica complessiva dell'offensiva russa ora appare chiaramente, dopo 36 ore di combattimento. Emergono infatti 4 assi principali dell'offensiva, che presentano dinamiche molto diverse tra loro.

Il fronte orientale
Di fronte al Donbass, era l'asse più probabile dell'offensiva russa. Se sono stati effettivamente registrati molti attacchi e bombardamenti, questo è il fronte su cui le forze russe hanno fatto i progressi minori. Non è oggettivamente noto se questo sia il risultato di una maggiore resistenza delle forze ucraine o di una minore spinta degli stessi russi. È vero che le forze ucraine posizionate su questo fronte prevedevano una massiccia offensiva ed erano particolarmente ben trincerate. È particolarmente interessante che, nonostante i feroci combattimenti, la città costiera di Mariopol rimanga in questo momento nelle mani degli ucraini, mentre costituisce una posizione strategica per il controllo del Mar d'Azov. Alcune recenti informazioni non controllate indicherebbero che un'importante operazione anfibia sarebbe attualmente in corso per circondare esattamente questa città e cercare di riprenderla.

diverse navi d'assalto russe di portacarri armati furono schierate prima dell'inizio dei combattimenti nel Mar Nero

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE