Il rapporto che danneggia la difesa antimissilistica statunitense

Fin dal primo lavoro nel campo dei sistemi di intercettazione dei missili balistici, il Pentagono ha investito quasi 350 miliardi di dollari in questo specifico campo destinato a proteggere il suolo americano e, in misura minore, alcuni dei suoi alleati, dagli attacchi di missili balistici potenzialmente nucleari. Negli ultimi anni l'argomento è stato rivitalizzato dal recrudersi di minacce strategiche provenienti da Russia, Cina e anche dalla Corea del Nord, che ora dispongono di missili balistici, sicuramente intercontinentali, ma con capacità operative molto inferiori rispetto agli ultimi modelli di missili balistici intercontinentali e russi e SLBM occidentali. Eppure, secondo un rapporto reso pubblico dall'American Physical Society, un'associazione di molti fisici americani, le attuali capacità di questa difesa antimissilistica statunitense, e quelle che saranno in servizio nei prossimi 15 anni, non sarebbero in grado di proteggere il suolo americano da un attacco missilistico balistico, anche guidato dalla Corea del Nord e i suoi sistemi di vecchia generazione.

Secondo questo rapporto, sebbene siano stati compiuti progressi in alcune aree, permangono molte impasse nel fornire una difesa efficace contro i missili balistici intercontinentali, in particolare in termini di densità del sistema, tempo necessario per il rilevamento, l'identificazione e l'ingaggio dei bersagli e il troppo limitato efficace finestra di intervento che risulta da questi elementi per effettuare una sicura ed efficace intercettazione contro le minacce. Concretamente, se durante le esercitazioni le simulazioni mostrano effettivamente la comprovata efficacia dei sistemi schierati, in un quadro operativo che non consente di risolvere le incognite in tempi comparabili (è stato rilevato un missile o un lanciatore spaziale? la catena di comando disponibili? I sistemi di intercettazione sono posizionati nel posto giusto?), le capacità di intercettazione reali e oggettive sarebbero notevolmente deteriorate, anche contro sistemi d'arma relativamente vecchi o tecnologicamente datati come quelli attuati da Pyongyang.

Il 10 ottobre 2020 a Pyongyang, le autorità nordcoreane hanno presentato un nuovo missile balistico intercontinentale ICBM mobile su un veicolo pesante a 11 assi.

In questo stesso rapporto, l'APS stima che le soluzioni attualmente in fase di sviluppo dall'Agenzia per la difesa missilistica, come le armi a energia diretta e i sistemi di intercettazione spaziale del programma Space-based Interceptor, non saranno operative per ben quindici anni. Inoltre, riguardo a quest'ultimo programma, l'APS stima che la densità dei sistemi spaziali necessaria a coprire semplicemente la minaccia nordcoreana sia incompatibile con gli investimenti sostenibili del Pentagono. In conclusione, il rapporto mette in discussione la rilevanza degli investimenti statunitensi in quest'area, sapendo che altre aree sono costrette a ridurre o posticipare i propri investimenti critici per soddisfare i vincoli di bilancio del Pentagono.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE