Di fronte agli europei, l'esercito russo nel 2030 sarà molto più potente di oggi

L'attuale crisi russo-ucraina, qualunque sia la sua conclusione, avrà consentito a Mosca di dare una straordinaria dimostrazione di forza in Europa, al punto che nessun Paese europeo, anche quello più vicino a Kiev, intende impegnarsi militarmente a fianco degli eserciti ucraini in caso di conflitto. Ed è chiaro che questi eserciti russi sono riusciti a mobilitare, muovere e radunare un centinaio di battaglioni tattici ad armi combinate, l'equivalente russo dei gruppi tattici inter-armati francesi, ovvero il 65% della sua forza operativa terrestre, e questo tra i Novembre e inizio febbraio. A titolo di confronto, l'esercito francese oggi stima di essere in grado di mobilitare una divisione da combattimento, ovvero 3 brigate e una dozzina di GTIA, entro 6 mesi, senza tener conto del movimento delle unità verso le loro aree di ingaggio, anche se sono, in quest'area, indiscutibilmente le forze più operative degli eserciti europei.

In effetti, Mosca ha indiscutibilmente appena creato un equilibrio di potere estremamente favorevole in Europa, senza nemmeno dover introdurre il proprio nucleare, mettendo gli europei sotto grande pressione. Sfortunatamente per loro, questo stato di cose non evolverà favorevolmente negli anni a venire, poiché Mosca ha diverse aree di progresso pianificate per aumentare significativamente la potenza delle sue forze armate entro il 2030, e quindi approfondire ulteriormente l'equilibrio di potere. in Europa. Più precisamente, questi assi di progressione sono quattro: l'evoluzione tecnologica degli eserciti, gli effetti della professionalizzazione, la Guardia Nazionale e, infine, gli effetti della redistribuzione geopolitica globale.

Sviluppi tecnologici futuri all'interno degli eserciti russi

Le celebrazioni del 70° anniversario della fine della Grande Guerra Patriottica, il 9 maggio 2015, sono state l'occasione per il mondo di scoprire molti nuovi materiali destinati a trasformare gli eserciti russi negli anni a venire, come il carro armato di T-14 Armata di nuova generazione, il veicolo da combattimento di fanteria pesante T-15, l'AFV/APC cingolato medio Kurganet 25, l'AFV/APC Boomerang 8×8 e il cannone semovente Koalitziya SV. Nel settore aereo, l'industria aeronautica russa stava sviluppando il Su-57 Felon ma anche il drone da combattimento pesante S-70 Okhotnik-B ed era impegnata nello sviluppo di un bombardiere strategico stealth e di una nuova generazione. Erano in costruzione anche una nuova generazione di navi di superficie, come le fregate Admiral Gorshkov e le corvette Project 20380/20385, e sottomarini con SSK Lada, SSN Yassen e SSBN Borei, mentre erano in costruzione il Super Gorshkov, gli incrociatori nucleari Leader e la nuova generazione SSN Laïka ha segnato la rinascita della Marina russa. 7 anni dopo, è chiaro che molte di queste strutture non sono ancora in servizio e che alcune di esse non sono previste, in modo significativo, prima del 2025 o addirittura del 2030.

Il veicolo da combattimento della fanteria Kurganet 25 è dotato della torretta Epokha per sostituire gli IFV di tipo BMP attualmente in servizio

Tuttavia, gli eserciti russi hanno attraversato una fase di intensa modernizzazione dall'inizio delle riforme del 2008, a seguito della guerra georgiana, favorendo l'acquisizione di potenziamenti alle apparecchiature esistenti piuttosto che accelerare lo sviluppo della nuova generazione. Così ricevettero in poco più di dieci anni più di 2500 carri armati pesanti modernizzati T-72B3(M), T-80BVM e T-90M, oltre a 400 aerei da combattimento Su-35, Su-34 e Su-30SM, tutti presentando un rapporto qualità-prezzo molto più interessante per la modernizzazione degli eserciti russi in questo momento. In tal modo, un T-14 Armata costerebbe, secondo le dichiarazioni dell'industria russa, quasi 5 milioni di dollari per unità, l'equivalente di 2 T-90M e più di 3 T-72B3M. Un Su-57, dal canto suo, costerebbe 2,5 volte di più di un Su-30SM, eppure un dispositivo già perfettamente capace. Tra il 2008 e oggi, infatti, gli eserciti russi hanno favorito l'acquisizione di equipaggiamento modernizzato in quantità rispetto a quello di equipaggiamento di nuova generazione in quantità ridotta, così da raggiungere l'obiettivo del 70% di equipaggiamento moderno nel 2021. contemplato dalla legge di programmazione russa , e questo in soli 10 anni di investimento.

D'ora in poi la situazione è ben diversa e la fine dell'attuale GPV segnerà una netta transizione verso l'entrata in servizio di apparecchiature di nuova generazione, sicuramente molto più costoso, ma con una pianificazione molto più lunga per acquisirlo ora che l'iniziale ammodernamento è stato raggiunto. Entro il 2030, infatti, gli eserciti russi avranno effettivamente avviato l'ammodernamento delle proprie unità verso questo equipaggiamento di nuova generazione, come i veicoli corazzati delle famiglie Armata, Kurganet e Boomerang, i caccia Su-57, il drone S-70 e forse il caccia leggero scacco matto Su-75, i cacciatorpediniere Super Gorshkov così come i sistemi antiaerei e antimissilistici S-350, S-500 e S-550 insieme all'S-400, Buk-M e Tor. Oltre a questi importanti programmi, entreranno in servizio anche molte apparecchiature aggiuntive, come il drone da combattimento aereo Grom o il missile antinave ipersonico Tzirkon, consentendo agli eserciti russi non solo di recuperare il ritardo, ma talvolta di superare tecnologicamente le loro controparti occidentali e le Unioni europee , pur mantenendo una massa operativa significativa dovuta ai programmi precedenti.

Gli effetti della professionalizzazione degli eserciti


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE