India, Indonesia: dovremmo cambiare i paradigmi del programma Rafale per anticipare il successo futuro?

Il 2021 sarà stato senza dubbio l'anno della consacrazione per Dassault Aviation, Safran, Thales, MBDA e le circa 400 società francesi che formano il Team Rafale, con 146 ordini fermi per l'esportazione o in compensazione di aeromobili usati. E anche il 2022 potrebbe essere un buon anno, con due importanti contratti in vista, L'India per la sua Marina da un lato, e di rafforzare le sue forze aeree dall'altra parte di fronte all'ascesa al potere di Cina e Pakistan, e l'Indonesia che ora integra sistematicamente il Rafale nelle sue presentazioni sull'evoluzione della sua forza aerea. Allo stesso tempo, la stessa Francia ha ordinato agli aerei di prendere il posto dei suoi Mirage 2000 C e oggi più di 100 nuovi Rafale dovranno essere consegnati all'esercito francese entro il 2035. 'Air and Space.

Tuttavia, questo successo non è privo di vere sfide industriali e operative per la Francia. Infatti, la linea di produzione Rafale a Merignac può produrre, secondo Dassault Aviation, fino a 3 nuovi velivoli al mese o 36 velivoli all'anno. Gli ordini presi nel 2021, la pianificazione delle consegne per l'Aeronautica Militare, e le prospettive più che gravi in ​​fase di negoziazione, sono già sufficienti a saturare questa capacità industriale nei prossimi 10 anni. Se questa situazione è innegabilmente invidiata da molti costruttori di aeromobili in tutto il mondo, non è priva di reali handicap, dal momento che non c'è più alcun margine di manovra industriale per rispondere a nuovi ordini, ordini nazionali, export o compensi per la vendita di seconde -aeromobili a mano, ma un mercato estremamente promettente per il Rafale. Possiamo, in questo contesto, immaginare nuovi paradigmi per il Programma Rafale, in modo da sfruttare lo slancio attuale nel breve, medio e lungo termine, soddisfacendo al contempo le ovvie esigenze di aumento della massa delle forze aeree francesi?

È passato appena un anno tra la firma del contratto greco e l'arrivo dei primi 6 Rafale in Grecia, fattore determinante per il successo di questo contratto

Prima di impegnarsi nella presentazione di una soluzione alternativa ottimizzata, è opportuno porre alcuni postulati che spieghino la situazione attuale. Oggi, infatti, il programma Rafale è, per così dire, pilotato a vista dalle autorità francesi, da quasi quindici anni. Laddove inizialmente la Francia doveva ordinare 320 velivoli consegnati in una dozzina di anni in modo da costituire il pilastro industriale su cui Dassault Aviation poteva pianificare di costruire la propria strategia di esportazione, ha pilotato il programma "al minimo", ovvero ponendo short - ordini a termine essenziali per mantenere in funzione la linea di produzione, ovvero 11 dispositivi all'anno, il tutto abbassando il volume previsto di dispositivi a 225 e distribuendo queste consegne su vent'anni. Ciò ha comportato un aumento significativo dei costi di produzione del dispositivo, che ha costituito un handicap durante le competizioni internazionali.

Gli ordini per il 2015 (Egitto e Qatar) e il 2016 (India) hanno consentito alla Francia di sospendere le proprie acquisizioni, in modo da preservare i suoi magri crediti di difesa per alcuni altri programmi prioritari, avendo gravemente minato l'impegno di acquisire 11 Rafale all'anno rispettato dalla Francia le ambizioni di altri programmi, come ad esempio FREMM. Da allora, il paradigma che governa questo programma è stato quello di dare la priorità agli ordini di esportazione rispetto a quelli nazionali, sia per soddisfare le aspettative dei clienti in termini di consegne rapide sia per consentire il finanziamento di altri programmi altrettanto urgenti negli eserciti. E gli ordini del 2021 non fanno eccezione, in quanto le consegne attese da Emirati Arabi Uniti, Egitto, Croazia e Grecia sono tutte ripartite nei prossimi 7 anni, lasciando pochissimo margine industriale per integrare nuovi altri ordini "urgenti" da clienti export come gli eserciti nazionali .

Il format delle forze aeree francesi definito dal Libro bianco del 2013 prevede solo 225 aerei da combattimento Rafale entro il 2030, un numero ormai ritenuto troppo limitato di fronte all'inasprimento delle relazioni internazionali.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE