Perché la Francia dovrebbe puntare a uno sforzo di difesa del 3% del PIL? e come raggiungerlo?

Benché trattate in modo relativamente superficiale fino ad oggi, le questioni della difesa stanno iniziando a interferire nella campagna presidenziale francese e diversi candidati hanno già dichiarato l'intenzione di aumentare il budget delle Forze armate verso una soglia pari al 3% del PIL. Altri candidati, dichiarati o meno, se credono anche che lo sforzo di difesa debba crescere negli anni a venire, si interrogano sulla sostenibilità di questo sforzo, oltre che sul suo interesse geopolitico. Tuttavia, come vedremo in questa analisi, e anche se viene affrontato solo molto raramente, l'obiettivo di uno sforzo di difesa del 3% del PIL entro il 2030/2032 risponde a un'analisi fattuale e il suo budget di sostenibilità può essere stabilito a condizione che poiché vengono rispettate determinate regole economiche.

Perché puntare a uno sforzo di difesa del 3% del PIL?

La crisi in atto nell'Europa orientale, ma anche nel Pacifico, mostra chiaramente che le regole geopolitiche che hanno governato il mondo negli ultimi 30 anni sono obsolete e che ora è essenziale ripristinare un sufficiente equilibrio militare di potere con alcune grandi potenze, per evitare qualsiasi overflow che potrebbe portare a una conflagrazione generale. Inoltre, anche se molti leader europei si rifiutano di ammetterlo, l'arrivo della potenza militare cinese modifica notevolmente gli equilibri geopolitici, e obbliga gli Stati Uniti a concentrare le proprie capacità militari sul teatro del Pacifico, lasciando gradualmente gli europei consegnati in quest'area.

Uno sforzo di difesa francese al 3% del PIL porterebbe l'UFT a un formato di 150.000 uomini equivalenti a 1/3 delle forze russe

Tuttavia, portando lo sforzo di difesa al 3% del PIL, ovvero a circa 75 miliardi di euro nel 2030/2032, la Francia potrebbe cambiare notevolmente i paradigmi geopolitici in Europa, ma anche su scala planetaria. Infatti, con un tale budget, gli eserciti francesi potrebbero raggiungere una dimensione pari a 1/3 delle forze di terra russe (anfibie e aeromobili), ovvero 150.000 uomini o uomini equivalenti nell'ambito di una Guardia Nazionale, per la Forza Operativa di Terra, l'ala armata dell'esercito, nonché forze equivalenti alla metà delle forze aeree e navali russe. Una tale potenza militare non è certo sufficiente a rappresentare una minaccia per la Russia stessa, ma consente di creare una base di difesa europea sufficiente affinché ogni raduno di una forza armata europea a fianco delle forze francesi sia sufficiente a creare uno sfavorevole equilibrio offensivo di potenza per la Russia, passando sotto la soglia di 3 contro 1. In altre parole, con un tale formato, gli eserciti francesi diventano sufficientemente attraenti per gli altri paesi europei al fine di attuare un equilibrio di forze sufficiente a neutralizzare la minaccia convenzionale russa sulla vecchio continente, e questo senza che sia necessario affidarsi agli Stati Uniti, già ben occupati nel Pacifico.

Un effetto a catena delle grandi nazioni europee

Come la creazione di un corpo celeste, gli eserciti francesi finanziati per il 3% del PIL potrebbero quindi creare un campo gravitazionale strategico sufficiente per portare efficacemente gli altri paesi europei a partecipare a questa costruzione di fatto dell'Europa della Difesa. Ma gli effetti di un simile sforzo da parte di Parigi andrebbero ben oltre questo aspetto. Infatti, dalla rimilitarizzazione della Germania Federale negli anni '50, Bonn, poi Berlino, hanno sempre e sistematicamente allineato il loro sforzo di difesa in termini assoluti con quello della Francia. Anche i recenti sforzi tedeschi per aumentare i propri investimenti nella difesa si sono dissociati dall'impegno preso nel 2014 al vertice NATO di Cardiff di puntare al 2% del PIL nel 2025, per allinearsi con uno sforzo dell'1,5% in quella data, cioè l'equivalente del bilancio francese che avrebbe raggiunto questa soglia del 2%. Infatti, se Berlino è molto soddisfatta della protezione statunitense di fronte all'aumento della minaccia russa, l'aumento dello sforzo di difesa francese al 3% del PIL nel 2030 porterebbe senza dubbio le autorità tedesche a puntare uno sforzo di difesa del 2% a tale data, ovvero lo stesso livello di investimento di Parigi in valore assoluto, 75 miliardi di euro/anno.

Molto probabilmente la Germania allineerà i suoi investimenti nel settore della difesa in termini assoluti a quelli della Francia, come ha fatto negli ultimi 60 anni.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE