La Marina degli Stati Uniti equipaggerà i suoi cacciatorpediniere Arleigh Burke Flight IIA con il nuovo radar EASA SPY-6

Come gli incrociatori Ticonderoga e un certo numero di cacciatorpediniere e fregate antiaeree in servizio con le marine alleate degli Stati Uniti, Cacciatorpediniere americani di classe Arleigh Burke, che oggi costituiscono la spina dorsale della flotta di superficie statunitense con 69 navi in ​​servizio, sono equipaggiate con il famoso radar SPY-1, proprio quello che è al centro del sistema antiaereo e antimissilistico AEGIS. Ma questo radar, entrato in servizio negli anni '70, inizia a sopportare il peso degli anni nonostante molte evoluzioni, motivo per cui i futuri cacciatorpediniere della US Navy attualmente in costruzione, l'Arleigh Burke Flight III, sarà equipaggiato con il radar SPY-6, basato su nuove tecnologie molto più efficienti, e in particolare antenne elettroniche AESA, e non PESA come lo SPY-1.

Tuttavia, le prestazioni del nuovo SPY-6 sono così tanto migliori di quelle dello SPY-1 che la Marina degli Stati Uniti si è rivolta al suo progettista, Raytheon, per prepararne l'installazione a bordo dei cacciatorpediniere Burke Flight IIA, i più numerosi attualmente in servizio con una cinquantina di unità attive, così da fornire alla flotta di superficie statunitense prestazioni coerenti in termini di impegno ma anche di cooperazione. I più antichi cacciatorpediniere dello standard di Volo I, invece, ritirarsi dal servizio nei prossimi anni, e la loro modernizzazione non avrebbe quindi alcun interesse. Lo SPY-6 consente in particolare il tracciamento e l'aggancio simultanei di bersagli balistici e aerodinamici e offre prestazioni di rilevamento, tracciamento del bersaglio e resistenza all'inceppamento significativamente migliori rispetto allo SPY-1. Inoltre, questo radar equipaggerà sia i cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke che Fregate di classe Constellation, quindi la parte principale della flotta combattente di superficie americana, consentendo di semplificare la formazione degli operatori e la manutenzione dei sistemi.

A differenza dei radar PESA, le centinaia di moduli affiancati che compongono l'antenna AESA fungono da trasmettitore e ricevitore, offrendo grande flessibilità nella scansione dello spazio monitorato e prestazioni migliorate.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE