Il programma sottomarino nucleare australiano crollerà?

Nessuno ha dimenticato lo sconvolgente annuncio fatto dal primo ministro australiano Scott Morrison, insieme al suo omologo britannico Boris Johnson e al presidente degli Stati Uniti Joe Biden nel settembre 2021, che ha posto fine al programma sottomarino franco-australiano Barracuda a beneficio di una flotta di sottomarini a propulsione nucleare realizzato nell'ambito di una nuova alleanza che riunisce i 3 paesi, e designato con l'acronimo AUKUS. È vero che il programma sottomarino oceanico australiano Shortfin Barracuda a propulsione convenzionale era sotto tiro da diversi anni, in particolare a causa di un budget complessivo di 90 miliardi di dollari australiani presentato come gigantesco agli occhi del pubblico. non ha specificato che il budget iniziale di 50 miliardi di dollari presentato pubblicamente all'inizio del programma si applicava solo a 8 sottomarini, contro i 12 effettivamente ordinati, e non teneva conto dell'inflazione su un programma di quasi 20 anni.

Sembra ora che gli stessi errori siano all'opera per quanto riguarda il nuovo programma destinato a sostituire i sottomarini francesi con 8 sottomarini a propulsione nucleare di design americano o britannico. In effetti, con il passare del tempo e l'alba degli studi indipendenti, sembra che questo percorso scelto dal primo ministro conservatore Scott Morrison nasconde molte insidie, a volte anche identici a quelli che suonavano la campana a morto per il programma franco-australiano. E mentre le domande e le preoccupazioni aumentano, le prime risposte sembrano dipingere un quadro preoccupante per l'Australia, la sua economia e la sua flotta.

le conseguenze della cancellazione del programma Shortfin Barracuda per l'Australia potrebbero essere molto più dannose del previsto per la sicurezza e le finanze pubbliche del Paese.

La prima delle insidie ​​su cui l'ambizione australiana potrebbe essere infranta non è altro che il prezzo esorbitante del programma stesso. Secondo l'Australian Strategic Coverage Institute, il costo complessivo del programma per 8 sottomarini sarebbe, infatti, nel migliore dei casi, 70 miliardi di dollari. Ma questo totale non tiene conto dell'inflazione, ed è persino considerato molto improbabile dagli stessi autori del rapporto, che stimano che alla fine potrebbe aspettare 171 miliardi di dollari, inflazione inclusa, ovvero il doppio del tasso. denunciato sulla scena pubblica australiana. Questo investimento rappresenterebbe quindi l'equivalente dell'8,5% del PIL del paese, nonché 4 anni interi del budget della difesa australiana. Rispetto alla popolazione, questo rappresenta uno sforzo di quasi A $ 7000 pro capite per tutta la durata del programma.

Inoltre, le compensazioni industriali applicate a questo programma appaiono sempre più ipotetiche, mentre emergono le difficoltà relative alla costituzione di un'industria in grado di assemblare tali sottomarini in un paese che non ha 'nessuna esperienza in materia, nonché nessuna industria nucleare civile. Perché al di là dei costi e delle difficoltà nell'instaurare una tale industria, c'è anche il problema del tempo necessario per realizzarla, sapendo che tale ambizione richiederebbe profondi cambiamenti in termini di formazione professionale, e anche di formazione accademica. Per Melbourne si tratterebbe di schierare l'equivalente di un programma nucleare civile, di cui è più capace lavorare con carburante arricchito di grado militare, anche se il Paese esclude di dotarsi di una centrale nucleare civile, creando un paradosso economico oltre che sociale su questo tema.

Con ogni probabilità, l'ANS australiano dovrà essere prodotto da US Industry, l'unica soluzione per cercare di ridurre i già lunghissimi ritardi di questo programma.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE