I 5 assetti del Rafale contro il Super Hornet per l'aviazione navale indiana

Il Rafale M1, il primo velivolo del programma destinato all'aeronautica navale francese, è oggi al centro dell'attenzione di Dassault Aviation e dell'intero Team Rafale. Certo che lo è questo aereo che è stato inviato il 6 gennaio alla base aerea navale indiana di Goa per dimostrare la sua capacità di essere operato da una piattaforma del tipo Ski-Jump, e non da una portaerei dotata di catapulte. Questi test, il primo dei quali si è svolto questa mattina e si è svolto nominalmente, dureranno fino all'inizio di febbraio e consentiranno di validare non solo la capacità dell'aeromobile di prendere aria da questo trampolino di lancio, ma anche di validarne prestazioni in questa configurazione, in particolare in termini di capacità di carico in termini di carburante e armamento, influenzando entrambi contemporaneamente il peso al decollo e la resistenza poiché il Rafale e i suoi due turbojet M88 dovranno compensare per il decollo.

Il Rafale concorrente in questa competizione che coinvolge da 36 a 57 velivoli destinati ad operare dalle due portaerei con trampolini della Marina indiana, l'INS Vikramaditya attualmente in servizio e INS Vikrant, che sta completando i test operativi, non è altro che l'F/A-18 E/F Super Hornet della Boeing americana, che dovrà affrontare la stessa fase di test del Rafale a Goa nel mese di marzo. In questa decisiva competizione per i due costruttori, la francese Rafale ha diversi asset molto importanti, 5 in totale, tali da convincere New Delhi e la Marina indiana di fronte alle numerose polemiche e pressioni esercitate da Washington per favorire i propri aerei.

1- Piccole dimensioni con importanti conseguenze

La principale risorsa del Rafale in questa competizione sono le sue dimensioni ridotte, in particolare contro il Super Hornet. Con una lunghezza di 15,27 m per un'apertura alare di 10,86 metri, il Rafale è infatti 3 metri più corto e 3 metri più stretto del Super Hornet, i suoi 18,62 metri di lunghezza e la sua apertura alare di 13,62 m. Soprattutto è di dimensioni più contenute rispetto a quella del Mig-29K, lungo 17,3 metri e con un'apertura alare di 12 metri, il dispositivo che oggi equipaggia le flottiglie da combattimento dell'aviazione navale indiana, e attorno al quale sono state progettate le portaerei indiane. Le conseguenze di queste ridotte dimensioni del velivolo francese sono infatti molto importanti per la Marina indiana, poiché non richiederà alcun adeguamento delle infrastrutture esistenti da dispiegare a bordo delle portaerei esistenti, in particolare per quanto riguarda i due ascensori che consentono il trasferimento del velivolo dalla cabina di pilotaggio agli hangar. Tuttavia, sembra che a causa della sua lunghezza, il Super Hornet imporrebbe, da parte sua, modifiche significative di queste infrastrutture, causando costi aggiuntivi, immobilizzazione delle navi e ulteriori ritardi.

La nuova portaerei indiana INS Vikrant sarà dichiarata operativa quest'anno. Tutto ciò di cui ha bisogno sono moderni jet da combattimento per diventare una potente nave da combattimento.

D'altra parte, queste dimensioni ridotte consentiranno alle portaerei indiane di trasportare più Rafale che Super Hornet. Pertanto, l'INS Vikramaditya sarà in grado di ospitare e implementare solo 10 o 11 Super Hornet nel migliore dei casi, contro 14 Rafale. Tuttavia, la potenza operativa di una portaerei, la sua capacità di difendersi e di colpire, dipende direttamente dal numero di aeromobili che è in grado di schierare, e una differenza di formato dal 30 al 40% per la caccia a bordo è naturalmente un grosso problema, soprattutto di fronte alle navi cinesi che, a loro volta, imbarcano una ventina di J-15. Si noti che secondo la stampa indiana, il Rafale sarebbe compatibile anche con gli specchietti di atterraggio e i fili di stopper delle portaerei indiane, a differenza del Super Hornet.

2- Prestazioni potenzialmente più elevate

Se il Super-Hornet è più imponente del Rafale, è anche più pesante, con una massa a vuoto di 14,5 tonnellate contro le 10,2 tonnellate del velivolo francese. L'area alare dei due velivoli è relativamente vicina, con 45,7 m2 per il Rafale contro 46,5 m2 per il Super-Hornet. Per spingersi, l'F / A 18 E / F trasporta due reattori General Electric F414 ciascuno che sviluppa 63,2 KN a secco e 97,9 KN con Post Combustion, dove i due Rafale M88 sviluppano solo 50 KN al sec e 75 KN con post-combustione. Tuttavia, la capacità di carburante e armamento del Super-Hornet, 15 tonnellate per un peso massimo al decollo di 29,5 tonnellate, è rigorosamente identica a quella del Rafale con un peso massimo al decollo di 25 tonnellate.

Con una massa a vuoto superiore a 4 tonnellate rispetto al Rafale M e un'area alare equivalente, il Super Hornet consuma molta più energia per trasportare lo stesso carico utile del Rafale.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE