La Germania vuole valutare l'interesse dell'F-35 a sostituire il suo Tornado

"Oh, che sorpresa" dirà il più cinico. Secondo il sito tedesco Die Zeit, la nuova ministra della Difesa Christine Lambrecht si sarebbe infatti impegnata a riconsiderare la decisione di colei che l'ha preceduta nella funzione, Annegret Kramp-Karrenbauer, che nel 2020 aveva arbitrato a favore di l'acquisizione di 30 cacciabombardieri Boeing F/A 18 E/F Super Hornet e 15 aerei da guerra elettronica EA-18G Growler al fine di sostituire rispettivamente il Tornado dedicato alla missione nucleare condivisa della NATO, e il Tornado ECR per la guerra elettronica e la soppressione delle difese antiaeree dell'avversario. Secondo l'articolo, il ministro tedesco, d'accordo con il cancelliere Olaf Scholz, avrebbe avviato una consultazione per studiare l'importanza di acquisire F-35A piuttosto che Super Hornet, ma anche una versione da guerra elettronica del Typhoon al posto del Growler , per sostituire il Tornado dedicato a queste missioni. La domanda è, ha davvero altre scelte ?

In effetti, l'arbitraggio di Annegret Kramp-Karrenbauer sembrava più uno stivale in touch, che una vera decisione, tante incognite sono rimaste. In primo luogo, né il Pentagono, né la NATO, e nemmeno la Marina degli Stati Uniti avevano finora considerato di qualificare il Super Hornet per utilizzare la bomba nucleare standard della NATO, la B61-Mod12. Gli unici dispositivi ad essere qualificati per queste munizioni sono stati, nel 2020 quando è stata annunciata la decisione tedesca, l'F-35A, l'F15E, l'F16 C/D e il B2 Spirit. Favorendo il Super Hornet rispetto a Lightning 2, Berlino sperava quindi di indurre Washington a cambiare posizione e ad integrare il dispositivo nel programma di qualificazione delle armi nucleari. Ma non è stato così e, per il momento, nessuna decisione a favore di questa qualifica è stata annunciata oltre Atlantico, soprattutto perché gli altri 4 paesi partecipanti a questa missione di deterrenza condivisa della NATO, Belgio, Italia, Paesi Bassi e Turchia, stanno implementando o hanno pianificato di farlo, F-35A o F-16 (caso della Turchia). In altre parole, fuori Berlino, nessuno ha bisogno di un Super Hornet qualificato B61-Mod12.

La striscia nera del 2021 sembra continuare per il Super Hornet di Boeing, che vede il suo più grande cliente potenziale, la Germania, allontanarsi di nuovo e riconsiderare l'ipotesi dell'F-35A

Inoltre, nonostante il velivolo americano abbia partecipato a tutte le principali competizioni recenti contro l'F-35 come contro il Rafale e il Typhoon, non ha vinto in nessuna di esse, e non registra più ordini export dal 2015 e l'ordine kuwaitiano . In particolare è stato eliminato dalle 3 gare più promettenti per lui con l'obiettivo di sostituire gli F/A 18 Hornet in Canada, Finlandia e Svizzera sostituendo gli Iberian Hornets, o in India per equipaggiare le portaerei dei paesi, sono, secondo molti osservatori, al massimo basso. Infine, la US Navy intende interrompere l'acquisizione di nuovi velivoli entro l'anno fiscale 2023, i 12 velivoli ordinati nel 2022 sono stati ordinati solo dalla decisione del Congresso di mantenere in attività la linea di produzione di Saint-Louis.

In altre parole, il futuro del Super Hornet è più che incerto, anche nel breve termine, e scommettere su questo espediente per Berlino è stato senza dubbio un rischio, in parte condizionato dalle pressioni politiche di Parigi per preservare il programma franco-tedesco SCAF da qualsiasi potenziale interferenza relativa all'acquisizione di F-35. Tuttavia, le difficoltà incontrate oggi, e che portano a una rivalutazione dell'arbitrato operato nel 2020, erano quanto meno prevedibili. Ci si può quindi chiedere fino a che punto la sequenza che si apre oggi non sia stata anticipata dalle autorità tedesche. In effetti, una decisione a favore dell'F-35 avrebbe indubbiamente creato forti tensioni nella coppia franco-tedesca sul programma SCAF nel 2020, mentre era ancora agli inizi. D'altronde è improbabile, oggi, che la Francia reagisca con tanta determinazione di fronte a un cambio di rotta da Berlino su questo tema, ora che sono stati avallati accordi e finanziamenti per la fase di progettazione dei manifestanti. su entrambe le sponde del Reno, a rischio di minacciare la sostenibilità di questo programma strategico per l'esecutivo francese.

La Luftwaffe è oggi l'unica forza aerea europea ad avere un velivolo dedicato alla guerra elettronica e alle missioni di soppressione, il Tornado ECR

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE