Il Giappone sviluppa il proprio cannone elettrico per completare la sua difesa antimissilistica

La tecnologia dei fucili elettrici, o rail gun, ha avuto il favore di molti staff alcuni anni fa, soprattutto negli Stati Uniti, dove la US Navy aveva investito diverse centinaia di milioni di dollari per sviluppare il proprio modello. Ma ormai da tempo, e soprattutto dall'abbandono del programma da parte del Pentagono che dà la priorità alle armi a energia diretta come laser ad alta energia e cannoni a microonde, la mania per questo argomento sembra essersi in qualche modo prosciugata. Anche il programma cinese, che tre anni fa aveva già fatto notizia quandoun cannone a rotaia è stato osservato su una nave da trasporto cisterna per i test, sembra essere evaporato, almeno sulla scena pubblica. Per Tokyo, invece, questa tecnologia è di interesse strategico., specialmente per affrontare alcune carenze dello scudo antimissilistico attualmente in servizio, e affrontare così le nuove armi ipersoniche cinesi, nordcoreane e russe.

Ricordiamo che un fucile elettrico sostituisce l'energia prodotta dalla combustione chimica per azionare il proiettile, mediante un forte campo magnetico offrendo velocità di uscita della volata molto elevate che possono raggiungere e superare i 2000 m/secondo o Mach 6. Infatti, i proiettili così propulsi hanno un'energia cinetica molto elevata, conferendo loro un raggio d'azione maggiore che può raggiungere e anche superare i 200 km, e un elevatissimo velocità compatibile con le esigenze della moderna difesa antiaerea e antimissilistica. Inoltre, l'assenza di un propellente chimico dovrebbe alleggerire la logistica, consentire cadenze di fuoco molto elevate, offrire una schermatura avanzata del bersaglio controllando la potenza dei colpi e ridurre il rischio di esplosione in caso di arma da fuoco. obbiettivo. D'altra parte, per funzionare, i Rail Gun richiedono una fonte molto grande di energia elettrica, nonché materiali molto avanzati per resistere alle immense sollecitazioni termiche e meccaniche coinvolte.

Nel giugno 2021, la Marina degli Stati Uniti ha annunciato la sospensione dei finanziamenti per il suo programma di armi elettriche.

Nonostante queste allettanti promesse, la tecnologia Rail Gun, se non è stata propriamente abbandonata da molti paesi, ha visto negli ultimi anni ridimensionarsi le sue ambizioni e diminuire sensibilmente gli investimenti ad essa dedicati. Ci sono diverse ragioni per questo. In primo luogo, la tecnologia dell'artiglieria convenzionale ha compiuto enormi progressi negli ultimi anni, in particolare con l'arrivo di nuove munizioni con propulsione aggiuntiva, che hanno consentito di ampliare considerevolmente la gamma dei cannoni esistenti. Così, il guscio M982 Vulcano di Leonardo nella versione da 127 mm e 155 mm può colpire bersagli oltre i 70 km, e Le munizioni Assegai V-LAP di Rheinmetall possono superare la portata di 80 km da un obice G6. In considerazione delle esigenze tattiche associate all'artiglieria moderna, queste gittate sono sufficienti per la maggior parte degli scenari, poiché gli attacchi più distanti sono responsabilità dell'artiglieria a lungo raggio che impiega missili balistici o dell'aviazione da combattimento.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE