Sommario 2021: Le 10 tecnologie per la Difesa che hanno fatto notizia quest'anno (1/2)

Nonostante la crisi legata alla pandemia di Covid-19, le notizie del 2021 sono state spesso segnate da alcune tecnologie di difesa, in un contesto geopolitico di crescenti tensioni e crisi critiche. Dalla cancellazione a sorpresa australiana dell'ordine per i sottomarini a propulsione convenzionale di fabbricazione francese di passare ai sottomarini da attacco nucleare americano-britannico, ai missili ipersonici; droni sottomarini al nuovo sistema di bombardamento orbitale frazionario della Cina; queste tecnologie di difesa, da tempo dimenticate nella scena mediatica globale, si sono trovate a fare notizia, e talvolta sui titoli dei giornali durante quest'anno. In questo articolo in due parti, presenteremo le 10 tecnologie con il maggior impatto nel 2021 nel campo della Difesa, per comprenderne le sfide e le applicazioni.

1- Sottomarini a propulsione nucleare

Annullamento del contratto australiano per la progettazione e produzione di 12 sottomarini convenzionali tipo Shortfin Barracuda del Gruppo Navale francese, è stato senza dubbio l'evento più significativo nell'ambito della difesa in Francia quest'anno. Ma la scelta di Canberra di rivolgersi a sottomarini nucleari di fabbricazione americana o britannica è stato l'evento più importante sulla scena mondiale nel 2021. Infatti, per la prima volta, il tabù derivante da un tacito accordo tra i 5 membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, per vendere sottomarini a propulsione nucleare a una terza nazione è stato violato dalla decisione di Joe Biden, Boris Johnson e il primo ministro australiano Scott Morrison. E con essa si è aperta una porta sulla scena internazionale per molti paesi che desiderano dotarsi anche loro di questo tipo di natante dalle prestazioni uniche, perché dotate di una fonte di energia molto importante e pressoché illimitata. .

il modello americano dei sottomarini classe Virginia è oggi visto come il più probabilmente scelto da Canberra per il suo programma di sottomarini d'attacco a propulsione nucleare

Da allora, se il programma australiano stesso è sempre più criticato dalla critica, anche in Australia, a causa di costi aggiuntivi e scadenze molto importanti, ovviamente, ad oggi non padroneggiate dal governo australiano, diversi paesi sono entrati nella breccia aperta da Joe Biden e dai suoi due accoliti, rivolgendosi in particolare alla Francia, che dispone di tecnologie e know-how molto adatti per impadronirsi di questo mercato emergente. Tuttavia, l'esempio dato da Canberra in questo caso lascerà senza dubbio dei segni, perché al di là Corea del Sud, India o Brasile, anche altri paesi potrebbero cercare di dotare questa capacità, rivolgendosi a partner meno attenti in questo campo, creando una fuga che potrebbe significare la fine degli sforzi internazionali nel campo della non proliferazione.

Ci si può quindi chiedere fino a che punto la decisione americana in questa materia sia stata valutata con attenzione, e se tutte le conseguenze indubbiamente negative che ne deriveranno siano state valutate prima di intraprendere un simile progetto dai molteplici pericoli, anche per la stessa Australia, che potrebbe benissimo essere privato di un'efficace flotta di sottomarini per dieci anni prima di ricevere i suoi primi sottomarini nucleari "oltre il 2040" nel migliore dei casi, e questo mentre la prospettiva di un conflitto nel Pacifico cadeva su un programma molto più compatto.

2- Missili ipersonici

Nel 2019, rispondendo alle domande dei parlamentari francesi, il capo di stato maggiore della marina francese, l'ammiraglio Prazuck, ha ritenuto che gli annunci riguardanti le armi ipersoniche antinave cinesi e russe non dovessero destare più allarme della ragione la rappresentanza nazionale. Secondo lui, i vincoli legati a questi missili che superano la velocità di Mach 5, in particolare nel campo termico ed elettromagnetico, vietavano l'uso di sistemi di guida che consentissero di colpire navi in ​​mare e in movimento. Solo 2 anni dopo, spronato da importanti progressi dalla Russia con i missili Kinzhal Kh47m2 già in servizio, e 3M22 Tzircon anti-navi che entrerà in servizio nel 2022, la progettazione di missili ipersonici è diventata la priorità della maggior parte dei principali eserciti del mondo, compreso, e soprattutto, oltre Atlantico, ovvero non meno di 5 programmi in corso in questo campo contemporaneamente, con l'obiettivo di entrare in servizio a partire dal 2024.

La Russia ha intensificato i test del suo missile 3M22 Tzirkon nel 2021, dalla fregata Admiral Gorshkov come Sottomarino Iassen Severodvinsk

Va detto che i missili ipersonici, in particolare nel campo delle armi antinave, pongono seri problemi alle marine occidentali, poiché nessuno dei sistemi antiaerei e antimissile attualmente in servizio, o prossimi ad esserlo, non lo fa. può sperare di intercettare un tale vettore. Inoltre, a causa di questa straordinaria velocità che a volte supera gli 8000 km/h, ovvero più di 2 km al secondo, i tempi tra il rilevamento e l'impatto per sperare di attuare eventuali contromisure si riducono notevolmente. D'altro canto, essendo i tempi di volo molto brevi, si riducono notevolmente anche le possibilità di poter sfuggire a un colpo mediante la manovra o la velocità tra il momento del rilevamento e l'arrivo del missile. Infine, al di là della carica militare portata da queste armi, che a volte può essere nucleare nel caso del Kinzhal russo o del DF-26 cinese, di solito è sufficiente l'energia cinetica rilasciata all'impatto del missile sul suo bersaglio. , tranne nel caso di navi molto grandi come le portaerei.

Le Missile ipersonico DF-17 Il cinese è stato presentato in anteprima durante la parata del 2019 che celebra i 70 anni dalla fondazione del PLA.

In altre parole, con una gittata da diverse centinaia a diverse migliaia di chilometri, i missili ipersonici appaiono, almeno per un periodo, i padroni del campo di battaglia aereo, nonché l'arma preferita per gli attacchi preventivi. Per rispondere a questo, gli occidentali hanno lanciato due tipi di programmi. In primo luogo, si impegnarono anche a dotarsi di missili equivalenti, in una logica di reciproca deterrenza. D'altra parte, sono stati avviati diversi programmi per acquisire capacità di intercettazione antimissilistica in grado di distruggere queste minacce in volo prima che raggiungano i loro obiettivi, come in il caso del programma europeo TWISTER. Resta il fatto che, almeno per qualche anno, Mosca e Pechino avranno, dal 2022, la capacità di respingere le forze navali occidentali oltre un perimetro allargato, senza che queste ultime abbiano la capacità di proteggersi da esso. Senza dubbio, questo è un grande vantaggio tattico concesso dall'Occidente ai suoi due grandi rivali geopolitici, che probabilmente avrà importanti conseguenze negli anni a venire.

3- La competizione F-35 vs Rafale

Negli ultimi dieci anni circa, le competizioni nel campo degli aerei da combattimento all'interno della sfera occidentale allargata sono state ridotte a un plebiscito dell'F-35 di Lockheed-Martin, gli altri concorrenti, che si tratti del Boeing Super Hornet, dello svedese Il Gripen, l'Eurofighter Typhoon e il francese Rafale, generalmente condannati a sequestrare le poche briciole lasciate dalla compagnia americana, e dal Dipartimento di Stato americano. Tuttavia, quest'anno ha visto gli eventi evolversi in un modo completamente diverso. Per la prima volta, infatti, gli ordini export per il Rafale di Dassault Aviation hanno superato, con 146 velivoli in 5 contratti, quelli dell'F-35 americano, che totalizza solo 100 su due contratti. È vero che, nei due casi di successo dell'F-35 in Svizzera e in Finlandia, l'aereo americano ha vinto contro il Rafale e gli altri 3 concorrenti, mentre i contratti Rafale sono stati tutti firmati durante accordi diretti tra Stati. Ma questo non impedisce quest'anno, e per la prima volta da molto tempo, non è l'F-35 che è essenziale nell'elenco delle esportazioni di aerei da combattimento sul pianeta.

Nel 2021, il Rafale anticipa l'F-35 quando si tratta di prendere ordini per l'esportazione.

Il successo del Rafale, dopo diversi anni di difficili interrogatori, in particolare all'inizio degli anni 2010, è il risultato di diversi fattori concomitanti. In primo luogo, gli aerei francesi stanno raggiungendo un alto livello di maturità tecnologica, e la sua prossima versione F4 sarà dotata di capacità e prestazioni finora riservate ai cosiddetti velivoli di quinta generazione, specialmente nel combattimento cooperativo e nella fusione dei dati. Inoltre, viene offerto in maniera molto meno restrittiva rispetto all'F-35 americano, in particolare per quanto riguarda le scelte tecnologiche imposte ai paesi clienti. Nascono così le richieste americane circa l'abbandono dell'arbitrato di Abu Dabi in favore della cinese Huaiwei per lo spiegamento del 5G nel Paese la sospensione delle discussioni sull'acquisizione di 50 F-35A, mentre allo stesso tempo, l'Emirato ha ordinato 80 aerei Rafale.

Ma è senza dubbio l'inasprirsi delle tensioni internazionali nel mondo che ha accelerato l'attrazione per il Rafale francese, un aereo che ha più volte dimostrato non solo le sue prestazioni e versatilità, ma anche la sua grande disponibilità, criteri chiave in un contesto di tensione, come in India, Emirati Arabi Uniti o Grecia. D'altronde questa situazione non sembra aver giovato agli altri 3 sfortunati competitor, che quest'anno non hanno schierato alcun ordine export, al punto da minacciare la stessa sostenibilità della produzione Boeing e della catena di montaggio del Super-Hornet a St. Louis, Missouri. Possiamo anche aspettarci che il 2022 sarà, se non dello stesso accabi, in ogni caso sulla stessa traccia per i due aerei ammiraglia occidentali, prima dell'arrivo di nuovi concorrenti come il nuovo promettentissimo scacco matto russo Su-75 e il più ipotetico sudcoreano Boromae.

4- Il sistema dei trofei di uccisione dura

Il sistema di protezione corazzata attivo Trophy, sviluppato dalla società Rafael, è in servizio con le forze armate israeliane dal 2011 e ha subito dimostrato la sua efficacia in combattimento non appena è entrato in servizio. Allo stesso tempo, diverse aziende europee e americane, tra cui la società francese Thales, avevano sviluppato concetti equivalenti, ma per mancanza di essere seguite dai loro ministeri di linea, questi programmi sono stati sospesi durante la prima metà degli anni 2010. In quel momento tempo, non solo era l'interesse operativo dei veicoli corazzati, e in particolare dei carri armati pesanti, in futuri conflitti che erano visti come sostanzialmente asimmetrici e di controinsurrezione, ma gli sforzi di difesa dei paesi occidentali sotto pressione erano da mettere in dubbio. compromessi "per la sopravvivenza" e non "per la modernizzazione". Con la presentazione ufficiale di Il russo T-14 Armata e il suo sistema attivo afghano, poi quello di Arena-M per proteggere i veicoli corazzati russi di precedente generazione, l'interesse per i veicoli blindati come per i sistemi di protezione attiva ha segnato una marcata accelerazione nella seconda metà del decennio.

La Bundeswehr ha ordinato all'israeliano Rafael una trentina di sistemi hard-kill Trophy per equipaggiare alcuni dei suoi carri armati pesanti Leopard 2A7

Pertanto, paesi come Cina, Corea del Sud e Turchia hanno deciso di dotare i loro nuovi programmi di carri armati di sistemi Hard-Kill prodotti localmente, oltre ai sistemi soft-kill già in servizio. A differenza di un sistema soft-kill che tenta di mischiare o attirare i sistemi di mira nemici per impedire il fuoco, i sistemi Hard-Kill come il Trophy o l'Afghanit rilevano il proiettile minaccioso e quindi lo intercettano a distanza.security utilizzando munizioni dedicate, prevenendo così la distruzione di il veicolo blindato. Dall'entrata in servizio del Trofeo, niente tank Merkava Mk IV dell'esercito israeliano o Namer Infantry Fighting Vehicle equipaggiato con esso non è stato perso in azione, anche se il Trophy ha distrutto diverse centinaia di razzi e missili contro l'armatura israeliana.

I sistemi hard-kill distruggono i proiettili minacciosi prima che possano colpire l'armatura bersaglio

Questo record impressionante, e una rigorosa procedura di valutazione effettuata localmente, hanno convinto l'esercito americano ad acquisire diverse centinaia di sistemi per proteggere i suoi carri armati M1A2 Abrams, così come il sistema Iron Fist del concorrente israeliano Elbit per M2 / M3 Brandley IVC, in attesa di soluzioni nazionali. Nel 2021, fu la volta degli eserciti tedesco e britannico a decidere rispettivamente sull'acquisizione del Trofeo per proteggere i loro Leopard 2A7 eeurs Challenger 3, versione altamente modernizzata del Challenger 2 attualmente in servizio. La Polonia sarebbe anche andata in trattative con Rafael per dotare i suoi 250 nuovi M1A2C del Trofeo, che la renderebbe la forza corazzata pesante più potente e meglio protetta d'Europa. D'altra parte, l'aggiunta di sistemi Hard-Kill, sia che si tratti di un'attrezzatura importata come el Trophy, sia di un sistema di fattura nazionale, non è stata trattenuta dall'Esercito per l'ammodernamento dei suoi Leclerc allo standard MLU Scorpion. Questo è senza dubbio un errore da parte dei pianificatori francesi.

5- Wingmen fedeli e droni da combattimento di nuova generazione

Mentre gli europei stanno ancora lavorando sul tema della motorizzazione del drone Euromale, un gran numero di paesi si è, dal canto suo, impegnato nella progettazione di droni da combattimento di nuova generazione, e in particolare il concetto di Loyal Wingmen. Destinati ad accompagnare gli aerei da combattimento in missione, i Loyal Wingmen sono droni da combattimento che mostrano prestazioni paragonabili a quelle degli aerei che accompagnano e possono trasportare sensori o anche armamenti aggiuntivi a beneficio dell'aereo pilotato, che ne assume il controllo e la gestione della missione. Molti programmi sono in corso negli Stati Uniti come parte del programma Skyborg con il Kratos Valkyrie e il GA Avenger, in Australia con il programma “loyal Wingmen” sviluppato congiuntamente con Boeing (illustrazione principale dell'articolo), in Russia con l'S70 Okhotnik B, in Cina con il GJ-11, tutti rispondenti alle stesse specifiche, ma fornendo risposte specifiche. Pertanto, il russo S70 è particolarmente impressionante con un peso al decollo di 20 tonnellate e un'autonomia di 4000 km, per accompagnare combattenti pesanti come il Su-57 nelle loro missioni. Al contrario, l'americano Valkyrie e Avengers sono droni più leggeri, con una portata inferiore poiché lo stesso F-35 ha un raggio d'azione limitato, ma con un basso costo unitario di pochi milioni di dollari, consentendo di accettare la distruzione se necessario.

L'XQ-58A Valkyrie di Kratos è uno dei tre droni selezionati per il programma Skyborg dell'aeronautica americana. Prefigura un drone leggero potenzialmente sacrificale ma offre prestazioni compatibili con la missione dei Loyal Wingmen

Ma il campo dei droni da combattimento di nuova generazione non si limita ai soli programmi di tipo Loyal Wingmen. Così, negli Stati Uniti, potrebbero presto essere resi pubblici due programmi sviluppati dalla US Air Force sotto il sigillo della segretezza, l'RQ-180, drone stealth dedicato a missioni di ricognizione ad altissima quota, e l'SR-72, un drone in grado di raggiungere velocità molto elevate sopra Mach 3 e potenzialmente dotato di un vano munizioni, rendendolo il compagno di squadra perfetto per i futuri bombardieri strategici B-21. Sul lato opposto dello spettro, Turkish Baykar ha deciso di sviluppare un drone da combattimento ad alte prestazioni erede del TB2 Bayraktar, e quindi disponibile ad un costo unitario particolarmente interessante. La US Navy da parte sua continua a sviluppare il suo drone Stingray MQ-25 per fungere da rifornimento in volo e ricognizione ISR a beneficio della flotta. UK, il programma Vixen della Royal Navy mira aaumentare le capacità delle sue 2 portaerei, in particolare offrendo capacità di sorveglianza aerea e intelligence. Infine, in Europa, i due programmi di caccia di nuova generazione, SCAF franco-tedesco-spagnolo e FCAS italo-britannico, stanno sviluppando droni aerei noti come Remote Carrier.

In Europa, il concetto di Remote Carrier, droni aerei che si evolvono al fianco di aerei da combattimento con equipaggio, è stato preferito a quello di Loyal Wingmen, che è più pesante e più costoso.

Sebbene la mossa appaia ora inevitabile, con le marine turche, russe e cinesi anche considerando progettare navi drone piuttosto che portaerei o elicotteri, alcuni paesi, come la Germania, restano oggi chiusi in considerazioni morali derivate da uno sterile e fantasioso dibattito sui "robot killer", vale a dire la delega della decisione dell'azione letale ad un'intelligenza non umana (artificiale), minacciando lo sviluppo di questi sistemi peraltro essenziali nella competizione geostrategica che si annuncia. Inoltre, come nel campo dei sistemi Hard-Kill, dieci anni fa le aziende europee avevano un vantaggio significativo nel campo dei droni da combattimento di nuova generazione, con i programmi Neuron o Taranis, ma come in precedenza, questi programmi sono stati lasciati in sospeso su considerazioni di urgenza di bilancio, anche se ancora oggi potrebbero contribuire in modo significativo a ristabilire gli equilibri di potere, in particolare nei confronti della potenza militare russa.

- Fine della prima parte -

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE