India, Corea del Sud: Francia all'offensiva nel campo dei sottomarini nucleari

Il ministro delle Forze armate francesi, Florence Parly, si recherà questo fine settimana in India per incontrare il suo omologo indiano Shri Rajnath Singh, nonché altri funzionari di Nuova Delhi, al fine di discutere diversi argomenti nel campo della cooperazione strategica e industriale. tra i due paesi, partner e alleati di lunga data. Oltre alla questione di un possibile ordine aggiuntivo di aerei Rafale, cooperazione nel campo degli elicotteri con una possibile linea di vista per dotare la Guardia Costiera indiana di elicotteri Caracal e questioni di cooperazione strategica nel teatro.Pacifico scosso negli ultimi mesi sia dalla Cina che dalla nuova alleanza Aukus che riunisce Stati Uniti, Regno Unito e Australia, il ministro francese avrebbe anche il mandato di discutere con il suo omologo indiano una possibile cooperazione tra i due paesi nel campo dei sottomarini da attacco nucleare, e anche una possibile esportazione del Barracuda, il più moderno dei sottomarini d'attacco nucleari francesi. Contemporaneamente, a circa 4000 km di distanza, sarebbero in corso altre trattative tra la Francia e questa volta le autorità sudcoreane, per consentire a Seoul di dotare i suoi nuovi sottomarini a propulsione AIP KSS-III di una caldaia nucleare conto locale. Ovviamente, le autorità francesi, così come Naval Group, sono all'offensiva nel campo dell'esportazione di sottomarini d'attacco a propulsione nucleare.

Il pietoso episodio della cancellazione del contratto australiano per la progettazione di 12 sottomarini con propulsione convenzionale Shortfin Barracuda da parte del Gruppo Navale francese, e la loro sostituzione con 8 sottomarini d'attacco nucleari americani o britannici con il modello e il calendario ancora indeterminati, aveva fatto scorrere molto inchiostro lo scorso settembre. Per alcuni analisti è stato addirittura un colpo critico per Naval Group, che ha richiesto una riorganizzazione del settore della produzione di sottomarini militari in Europa. Può darsi, tuttavia, che gli effetti di questa cancellazione e la decisione USA-Regno Unito di accettare la vendita all'esportazione di sottomarini a propulsione nucleare in Australia, abbiano creato un contesto estremamente favorevole per gli Stati Uniti. affermarsi in questo mercato emergente ma molto promettente.

La cancellazione di 12 Shortfin Barracuda da parte di Canberra potrebbe essere un'opportunità unica per Naval Group

Infatti, autorizzando l'esportazione di sottomarini a propulsione nucleare, Joe Biden, Boris Johnson e Scott Morrison hanno aperto una porta finora tenuta ben chiusa dai 5 membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, custodi di questa tecnologia molto speciale. Attraverso un argomento molto discutibile e lo sfruttamento di una lacuna aperta nel Trattato di non proliferazione, i 3 paesi hanno giustificato questo sviluppo, rompendo 40 anni di cordiale intesa in questo settore, e ora aprendo la strada ad altri paesi con questo know-how, Russia, Cina e Francia, per proporre la progettazione di marinai a propulsione subnucleare in il mercato di esportazione.

La tecnologia della propulsione nucleare offre molti vantaggi per un sottomarino, sia esso attacco, vale a dire progettato per distruggere navi e sottomarini nemici, o lanciatore, vale a dire che trasporta missili balistici per la deterrenza nucleare. Contrariamente a quanto a volte si propone, non rende i sottomarini più discreti, nel senso di più silenziosi, sarebbe addirittura il contrario, poiché un sottomarino a batterie non emette alcun rumore parassita a differenza di quelli emessi dalla caldaia nucleare. D'altra parte, un sottomarino a propulsione nucleare ha una fonte di energia molto importante e quasi illimitata, che consente alla nave di evolversi ad alta velocità per un periodo di tempo molto lungo, senza dover riemergere. Un sottomarino convenzionale, d'altra parte, ha solo l'energia immagazzinata nelle sue batterie, in modo che possa andare veloce o rimanere sott'acqua per molto tempo (da alcuni giorni a diverse settimane per i sistemi AIP più efficienti), ma non entrambi. È quindi comune affermare che un sottomarino nucleare può fare tutto ciò che può fare un sottomarino convenzionale, ma non è vero il contrario. E più ampio è il teatro delle operazioni, come nel caso del teatro del Pacifico o dell'India, più la propulsione nucleare è giustificata per le marine che devono operare lì.

Le SNA della classe Suffren offrono oggi un livello di prestazioni almeno identico a quello offerto dalle anglosassoni Virginia e Astute

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE