L'industria aeronautica francese può riprendersi dal successo dell'F-35 in Europa?

Alla fine della scorsa settimana, e come previsto, le autorità finlandesi hanno annunciato di aver selezionato il caccia americano F-35A per succedere all'F-18 all'interno della sua aeronautica, al termine della competizione HX che ha visto ancora una volta il cacciatore americano confrontarsi con altri modelli occidentali, F/A 18 E/F Super Hornet, Gripen, Rafale e Typhoon. Come in Svizzera, le conclusioni presentate dalle autorità finlandesi sono definitive, l'F-35 appare superiore agli altri concorrenti in tutti i settori, compreso quello della sostenibilità fiscale. E come in Svizzera, molte voci si levano ora per mettere in discussione i valori numerici mantenuti nell'ambito di questa valutazione e che non corrispondono a quelli osservati da altri paesi già implementando il cacciatore stealth di Lockheed-Martin, Norvegia in testa.

Resta il fatto che oggi il maremoto dell'F-35 in Europa è quasi assoluto, il dispositivo si è imposto in tutte le competizioni a cui ha partecipato per dieci anni, ed ora è stato scelto da ben 8 paesi europei : Belgio, Danimarca, Finlandia, Italia, Gran Bretagna, Paesi Bassi, Polonia e Svizzera, mentre Spagna, Grecia e Repubblica Ceca sono ora nel mirino venditori americani. Vediamo anche ricompare con insistenza l'ipotesi di annullare il futuro ordine di FA/LA 18 MI/FA Super Hornet e l'EA-18G Growler per sostituire il Tornado della Luftwaffe, a beneficio dell'aereo superstar dell'industria americana.

Somiglianze tra i programmi F-35 e F-104

Naturalmente, possiamo incessantemente inveire sulla pressione degli Stati Uniti o persino della stessa NATO per promuovere l'F-35, su la mancanza di sincerità delle cifre avanzate da Lockheed-Martin nelle competizioni, o sulla mancanza di senso "europeo" degli europei stessi. Ma questi dibattiti e questi argomenti sono sterili e servono solo a danneggiare l'immagine dell'industria aeronautica francese sulla scena internazionale. D'altra parte, considerando le debolezze oggettive e riconosciute dell'F-35A, oltre alle crescenti esigenze in termini di risorse aeree per gli eserciti europei così come nel mondo, è possibile, con un minimo di anticipazione e volontà, rendere questo apparente crollo dell'industria aeronautica europea sul proprio suolo, un forza e persino un promontorio per preparare l'inevitabile fase 2 che sta prendendo forma in questo file, e tutto sembra indicare che sarà vicina a quella che gli europei conoscevano alla fine degli anni Sessanta e all'inizio degli anni Settanta con l'F-60 Starfighter, sempre della Lockheed-Martin.

Se l'F-104 era un intercettore passabile, la sua conversione in un cacciabombardiere per la Luftwaffe fu un disastro

In effetti, i punti di confronto tra i due programmi sono molto numerosi, al punto da essere di una certa inquietudine. Come nel caso dell'F-104 che ha sacrificato tutto nella sua progettazione per ottenere la migliore velocità e velocità di salita possibili, l'F-35 da parte sua ha sacrificato molti aspetti dell'aereo da combattimento a vantaggio della furtività e della capacità di elaborazione dei suoi sensori. Pertanto, i due velivoli hanno una manovrabilità limitata, una capacità di carico relativamente bassa, un raggio d'azione ridotto, soprattutto perché non possono trasportare serbatoi sganciabili aggiuntivi. Entrambi soddisfano perfettamente un'esigenza, l'uno di intercettazione, l'altro di rimozione delle difese aeree, ma si presentavano come dispositivi polivalenti in grado di assicurare tutte le missioni di combattimento. Infine, entrambi hanno un alto costo di proprietà, superiore a quello dei dispositivi del momento, senza fornire alcun valore aggiunto determinante verificato.

Riserve dell'aeronautica americana

Così, nel 1965, dopo diversi clamorosi fallimenti nel sud-est asiatico, la US Air Force decise di ritirare i suoi gioielli dal teatro vietnamita dopo che il velivolo fu superato dal Mig-17 e dal nordvietnamita DCA, rendendo l' uno dei pochi intercettori di aver registrato più sconfitte che vittorie nei combattimenti aerei nel mondo. Sebbene l'F-35A non abbia finora fornito tali ragioni per mettere in dubbio le sue prestazioni operative, diversi elementi suggeriscono che la traiettoria potrebbe essere la stessa. Così, l'aeronautica americana non ha cessato, per diversi mesi, di evidenziare l'opportunità di svilupparsi nell'ambito del programma NGAD che dovrebbe consentire di progettare la sostituzione dell'F-22 entro il 2030, un secondo aereo leggero destinato a sostituire l'F-16 con alte prestazioni e la proprietà costa più in linea con le sue esigenze e mezzi negli anni a venire.

Secondo l'US Air Force, in termini di superiorità aerea, occorrono 4 F-35A per svolgere il lavoro di un singolo F-22

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE