Perché lo standard Rafale F4 sta riscuotendo un tale successo internazionale?

Con l'annuncio di l'ordine fermo per 80 aerei da combattimento da parte degli Emirati Arabi Uniti, Il Rafale è diventato, con 242 velivoli ordinati per l'esportazione da 6 forze aeree, il più grande successo commerciale internazionale della sua generazione, surclassando nettamente altri velivoli della stessa categoria come l'Eurofighter Typhoon, il Super Hornet o il Su-35, e persino dispositivi più leggeri della stessa generazione come lo svedese Gripen o l'F-16 Block 70/72 + American Viper. Nel mondo, solo il Lockheed-Martin F-35, che gode di un incrollabile supporto strategico da Washington e di un budget di ricerca e sviluppo 12 volte maggiore di quello dell'aereo francese, fa meglio del bimotore francese, con più di 600 velivoli ordinati a livello internazionale. Tuttavia, solo quest'anno gli ordini Rafale saranno aumentati, con 5 ordini successivi da 4 paesi, per un totale di 146 velivoli ordinati, ovvero il 60% del totale degli ordini di esportazione registrati dall'aereo francese.

Questo abbagliante successo e, se non inaspettato, in ogni caso altamente sperato, è legato a diversi fattori concomitanti, che contribuiscono a creare un contesto e un'attrattività molto più importanti di prima di Rafale nel panorama internazionale. Ciò è legato in primo luogo all'acuirsi molto significativo delle tensioni internazionali, e va notato che la stragrande maggioranza dei clienti Rafale ha un'esigenza operativa sia chiara che immediata, come è il caso dell'India nei confronti della Cina e del Pakistan, La Grecia contro la Turchia, l'Egitto contro la Libia, il Sudan ma anche la Turchia, così come gli Emirati Arabi Uniti contro l'Iran, ma anche in un'intensa competizione con il Qatar, a sua volta appoggio alla Turchia e in buoni rapporti con Teheran. Dei 6 clienti internazionali Rafale, 3 sono in una situazione di alta tensione, e due in una situazione di media tensione, solo la Croazia è meno esposta ai suoi confini rispetto agli altri 5.

I Rafale indiani giocano un ruolo centrale nella strategia di New Delhi contro la Cina, il che suggerisce che un ordine aggiuntivo sarebbe possibile nel breve o medio termine.

Da segnalare inoltre che dei 6 clienti internazionali che si sono dichiarati favorevoli al Rafale, 5 utilizzavano già aerei da combattimento francesi, e questo da diverse generazioni, e che ancora oggi stanno implementando il loro mirage 2000, sugli 8 clienti export in totale per l'ultimo rappresentante della famiglia miraggio. C'è quindi un fattore molto importante che potremmo qualificare come atavico nell'acquisizione di aerei da combattimento, non solo per il Rafale, ma per molte famiglie di velivoli. Questa situazione non è infondata, poiché utilizzare un aereo da combattimento importato significa in gran parte assorbire le dottrine ma anche le procedure del suo paese di origine, mentre sviluppa stretti legami con la sua industria aeronautica difesa per il mantenimento e lo sviluppo della flotta. È quindi molto più facile per i piloti del Mirage 2000 e il personale di manutenzione passare al Rafale che per il personale abituato alle procedure americane su F-16 o F-18 farlo, e viceversa.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE