Il Super Hornet di Boeing lascia la concorrenza canadese dalla porta sul retro

Negli ultimi dieci anni, l'F-35 Lighting II di Lockheed-Martin ha vinto in tutte le competizioni a cui ha partecipato. Se le condizioni di queste vittorie sono spesso oggetto di discussione, è comunque vero che l'apparato americano, nonostante le sue debolezze e le sue numerose pecche, è sempre riuscito a convincere i funzionari incaricati a scegliere, per i rispettivi paesi, il dispositivo che costituiranno la spina dorsale della loro aeronautica per i prossimi 50 anni. Il Canada probabilmente non farà eccezione alla regola, poiché dopo il ritiro di Dassault Aviation e del suo Rafale, poi Airbus DS con Eurofighter Typhoon, entrambi ritenendo che la competizione così come presentata da Ottawa fosse sbilanciata a favore degli Stati Uniti, è il turno della Boeing e del suo F/A 18 E/F Super Hornet di dover abbandonare la competizione, questa volta su decisione canadese. ( è necessaria una piccola spiegazione riguardo al Super Hornet e alla designazione F / A-18 E / F: F / A significa Fighter / Attack per caccia e aerei da attacco, come per l'E / F, designano il monoposto (E) e versioni a due posti (F) dell'aeromobile).

En effet, secondo informazioni non ufficiali ma confermate da diverse fonti, Ottawa avrebbe ritenuto che l'offerta di Boeing non rispondesse ai requisiti delle specifiche e dei requisiti canadesi, senza che si sapesse se il caccia ammiraglia imbarcato della Marina degli Stati Uniti non avesse soddisfatto i requisiti tecnologici o operativi, o se si trattasse di un problema nell'ambito commerciale offerta portata da Boeing. Rimane dunque in gara il super favorito F-35A di Lockheed-Martin, e Il super sfidante di Saab JAS 39 Gripen E / F, (E per monoposto, F per biposto) che pochissimi credono possa avere qualche chance contro il caccia americano, essendo il Canada per sua natura intimamente legato alle esigenze operative e tecnologiche del suo unico vicino per la Difesa Aerea del Nord America , e in particolare il confine artico canadese.

Ancora una volta, l'F-35A è il grande favorito nella competizione per la sostituzione dei CF-18 canadesi

Tuttavia, il fatto che sia stata licenziata la Boeing, e non la Saab, suggerisce che il Gripen avrebbe soddisfatto i requisiti operativi canadesi e che l'offerta di Saab avrebbe fatto lo stesso. Per il momento, nessuno dei produttori in lizza ha ricevuto una notifica ufficiale da Ottawa, e quindi tutti si astengono dalla minima dichiarazione. Ma sarebbe senza dubbio un duro colpo per Boeing, e per il futuro del suo Super Hornet, mentre la US Navy desidera cessare le acquisizioni dal 2023, e che i possibili contratti di esportazione, in Finlandia, in India, in Spagna o in Germania, siano tutti minacciato dalla concorrenza dell'F-35 o del Rafale M nel caso dell'India. È vero che, in un certo senso, Boeing trova qui la moneta della sua moneta, dopo aver svolto intense azioni di lobbying contro gli aerei da trasporto regionale del produttore canadese Bombardier negli Stati Uniti, e questo anche se il dossier è stato chiuso a favore di Bombardier nel 2018.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE