La Marina degli Stati Uniti deve prolungare la vita dei suoi sottomarini per affrontare la Cina

La Marina degli Stati Uniti potrebbe avere la più grande flotta di sottomarini nucleari e l'industria più efficiente al mondo in quest'area, per affrontare la Cina, mancano le navi. In effetti, nonostante i 53 sottomarini da attacco nucleare di classe Los Angeles, Seawolf e Virginia in servizio, eguaglia a malapena il 6 Classe Shang SNA (Tipo 09III/A), e i 44 sottomarini a propulsione convenzionale della classe Song (14 unità), Chilo migliorato (8 + 2 unità) e Yuan (18 unità con propulsione anaerobica). Inoltre, la flotta cinese dispone di numerosi asset operativi in ​​caso di scontro con la US Navy, il più significativo dei quali èevolvere vicino alle proprie coste in caso di intervento contro Taiwan, che neutralizza ampiamente lo svantaggio di non disporre di propulsione nucleare per le proprie navi.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE