Annunciando il lancio di 60 programmi tecnologici per la Difesa, il Primo Ministro australiano vuole affogare il sottomarino?

Dire che il Primo Ministro australiano, Scott Morrison, sarebbe in una posizione difficile sarebbe un eufemismo. Infatti, non solo si ritrova impigliato in le conseguenze dei suoi pericolosi arbitrati in materia di sottomarini, avendo scelto di sbattere la porta in faccia alla Francia per rispondere alle sirene americane e britanniche promettendole una flotta di sottomarini da attacco nucleare senza averne preventivamente valutato la fattibilità e le conseguenze geopolitiche, operative e di bilancio, ma si ritrova, con il suo partito liberale , in gran parte lasciato indietro dall'opposizione laburista nei sondaggi di opinione, anche se la prossima legislatura, le elezioni federali (legislative) del 2022 si stanno avvicinando rapidamente.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE