La Repubblica Ceca annulla la gara per i nuovi veicoli da combattimento della fanteria

Nel 2016, Praga ha lanciato un'importante competizione per sostituire i suoi veicoli da combattimento di fanteria ereditati dall'era del Patto di Varsavia con modelli moderni di partner occidentali. In, furono selezionati 4 modelli per competere, lo svedese CV90 Mk IV, lo spagnolo Ascod 2 e il tedesco Lynx KF41 e Puma, con l'obiettivo di produrre 210 veicoli corazzati per un budget di 2 miliardi di euro per equipaggiare la brigata meccanizzata ceca. . Il Puma di KMW è stato gradualmente eliminato nel 2019 dopo che le specifiche tecniche sono state drasticamente modificate e i test sono iniziati nel maggio dello stesso anno. All'inizio di novembre, tuttavia, il ministero della Difesa ceco ha annunciato che nessuno dei tre veicoli offerti soddisfaceva i requisiti delle autorità del paese, ponendo così fine a questa gara. Per il momento, le autorità ceche non hanno fornito alcuna spiegazione dettagliata in merito a questa brusca decisione, né alcuna prospettiva per la sostituzione dei veicoli da combattimento di fanteria BVP2, la versione locale del BMP-2 sovietico che era giunto alla fine della gara.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE