La Cina costruisce repliche di portaerei e cacciatorpediniere statunitensi nel deserto

Il deserto di Taklamakan, uno spazio desertico e molto ostile di oltre 270.000 km2 nel cuore del territorio uiguro nel nord-ovest della Cina, è stato proposto nel 2010 per entrare a far parte del patrimonio naturale mondiale dell'umanità. Questo spazio arido, che vede temperature di 50°C di giorno accostate a -40°C di notte, è anche un'area di addestramento privilegiata per l'Esercito Popolare di Liberazione, che da molti anni vi testa i suoi missili balistici. Recentemente, tuttavia, forme incongrue per questo ambiente sono state notate dai satelliti di osservazione occidentali. In effetti, gli eserciti cinesi vi costruirono repliche semplificate di diverse grandi navi da guerra, in particolare le grandi portaerei di classe Nimitz e i cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE