Il presidente cinese Xi Jinping intensifica la modernizzazione dell'Esercito Popolare di Liberazione

Negli ultimi 10 anni, l'Esercito Popolare di Liberazione Cinese ha subito una trasformazione senza precedenti, sia strutturalmente che tecnologicamente, con un aumento molto significativo della professionalizzazione delle forze e l'arrivo di moltissimi pezzi di equipaggiamento pari, e talvolta anche superiori, il miglior equipaggiamento in servizio negli eserciti occidentali. Inoltre, il ritmo di questa trasformazione rimane molto forte oggi, con ad esempio l'entrata in servizio ogni anno di una decina di cacciatorpediniere e fregate Tipo 055, 052D e 054A, così come da 5 a 6 dozzine di caccia J-10C, J-15, J-16 e J-20, per citare solo alcuni esempi eloquenti. E infatti il ​​PLA, che nel 2010 era considerato un esercito di second'ordine incapace di competere con i maggiori eserciti mondiali, è oggi al centro delle preoccupazioni del Pentagono, e si avverte una febbre molto palpabile nelle decisioni. ultimi mesi negli Stati Uniti per cercare di contenere questa nuova grande potenza mondiale, in particolare per quanto riguarda lo spinoso caso di Taiwan.

Tuttavia, per il presidente Xi Jinping, lo sforzo attuale è ancora insufficiente e rimane ostacolato da una certa burocrazia statale e amministrativa che è dannosa per lo sviluppo accelerato delle sue forze. Questo è il motivo per cui quest'ultimo, in qualità di presidente della Commissione Militare Centrale, il più alto organo politico di difesa del Paese, ha firmato un nuovo insieme di provvedimenti legali volti proprio a rilassare le condizioni in base alle quali gli eserciti possono negoziare i loro contratti di equipaggiamento, in modo da accelerare il tempo, e per aumentare rapidamente le prestazioni operative del PLA, oggettivamente chiaramente individuato dal presidente cinese per questa riforma. Lui risponde così le aspettative espresse dal Partito Comunista Cinese poco più di un anno fa.

Le forze navali cinesi ricevono ogni anno 2-3 super cacciatorpediniere Tipo 055, 4-5 cacciatorpediniere Tipo 052D e 3 fregate da guerra antisommergibile Tipo 054A. Di questo passo, in meno di dieci anni, supererà l'intera flotta occidentale schierata nel Pacifico e nell'Oceano Indiano.

L'industria della difesa nazionale cinese ha compiuto enormi progressi negli ultimi 15 anni in quasi tutti i settori della tecnologia di difesa, portando il paese a un'autonomia strategica senza precedenti, in particolare staccandosi dai trasferimenti di tecnologia, ufficiali o meno, dalla Russia ma anche dall'Europa. In concomitanza con l'estensione delle capacità produttive dei materiali moderni, Pechino ha anche attuato una politica molto aggressiva per sostenere l'innovazione della difesa, in particolare incoraggiando i ricercatori accademici che hanno sviluppato nuove tecnologie potenzialmente applicabili a La Défense, a convertire rapidamente queste innovazioni in progetti industriali . È così che l'industria aeronautica cinese, ad esempio, ha fatto passi da gigante nel campo dei droni, diventando dal 2016 il primo esportatore di droni militari, davanti agli Stati Uniti, ma anche nel campo dell'elettronica, dei missili o dell'informatica. e guerra elettronica.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE