Potrebbe "Buy American" di Joe Biden minacciare le esportazioni della difesa degli Stati Uniti?

Ogni anno, lo Stato federale degli Stati Uniti difende 600 miliardi di dollari a fornitori di servizi privati, per molteplici prodotti e servizi che vanno dall'IT ai servizi di pulizia, compresa la consulenza e il materiale rotabile. Per sostenere l'economia americana, in particolare mentre si impegna a lanciare una serie di vaste opere destinate a essere il pilastro della ricostruzione industriale e sociale del Paese, Joe Biden, da gennaio, si è calato nei panni del contestato predecessore, sostenere l'emergere del “Buy American Act”, una legge che obbligherebbe la spesa federale a concentrarsi principalmente sui fornitori nazionali, inizialmente al 55%, e gradualmente fino al 75% delle somme investite. Durante una visita allo stabilimento Mack Truck in Pennsylvania quest'estate, ilIl presidente americano aveva inoltre ritirato questo impegno puntando, che lui, ad aumentare la resilienza e l'efficienza economica del Paese, proteggendo al contempo la Supply Chain americana in gran parte minata dalla crisi del Covid.

Ma c'è un settore che teme di essere il grande perdente di questa politica che flirta con il protezionismo, l'industria della difesa, che ogni anno genera più di 40 miliardi di dollari di fatturato ai suoi clienti internazionali, e che teme di vedere questi stessi clienti mostrarsi molto meno inclini a dotarsi di attrezzature americane se Washington dovesse porre determinate barriere. Infatti, per alcuni paesi la cui bilancia commerciale è molto redditizia nei confronti degli Stati Uniti, come il Giappone o addirittura la Germania, firmare di tanto in tanto un grosso assegno per acquisire attrezzature per la difesa statunitense consente di riequilibrare i conti, e di silenzio il più scontroso. così Tokyo non ha esitato a ordinare quasi 140 F-35A e B sotto la pressione di Donald Trump, proprio per non far fronte a sfavorevoli barriere doganali. quanto a 45 F / A 18 E / F Super Hornet e EA-18G Growler che Berlino deve ancora ordinare, appaiono sotto molti aspetti come un modo per compensare l'enorme surplus commerciale generato dalla vendita di Mercedes, Audi e altre Porsche attraverso l'Atlantico.

Per Tokyo, ordinare massicciamente attrezzature per la difesa americane è un modo per moderare l'esorbitante deficit commerciale americano con il Giappone, che ha raggiunto i 70 miliardi di dollari all'anno prima della pandemia

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE