La Polonia applicherà metodi di finanziamento "COVID" per la modernizzazione dei suoi eserciti

Per molti aspetti, le posizioni delle autorità polacche, in particolare nei confronti dell'Unione europea, sono ampiamente criticate, e per di più apertamente criticate. Ma c'è un'area in cui Varsavia è esemplare in Europa, la sua determinazione ad acquisire una potenza militare sufficiente per dissuadere qualsiasi avversario, in particolare la Russia, da eccessive ambizioni contro di loro e contro i suoi vicini. In questo senso, Polonia sta sostituendo il ruolo di Bonne ogni giorno durante la Guerra Fredda, quando la sola Germania federale schierò più di 1000 caccia da combattimento F104 e F4 e più di 2000 carri armati Leopard e M48. Oggi, nonostante un PIL di appena 600 miliardi di dollari per una popolazione di 38 milioni di abitanti, contro i 3.800 miliardi di dollari e gli 83 milioni di tedeschi, gli eserciti polacchi schierano un centinaio di aerei da combattimento.-16, Mig-29 e Su-22 (con 32 F-35A in ordinazione) 150.000 miltaires e 750 carri armati Leopard 2, PT-91 e T-72, con almeno 250 M1A2SEPv3 su ordinazione, contro 200 caccia Typhoon e Tornado, 185.000 militari e 320 carri pesanti, di cui solo un centinaio considerati operativi, per le forze tedesche.

Sopprattuto, Varsavia non intende adagiarsi sugli allori, e vuole continuare a sostenere lo sforzo iniziato dieci anni fa di modernizzazione, uno sforzo in gran parte colorato è vero di una forma di standardizzazione degli eserciti polacchi sui modelli dell'esercito americano e dell'aeronautica americana, che ha un senso un ottimo studente della NATO. Per raggiungere questo obiettivo è fondamentale secondo le autorità polacche disporre subito di fondi aggiuntivi, e non aspettare la crescita media dell'economia del Paese al 4% per aumentare il budget delle forze armate già a 14 miliardi di dollari, ovvero il 2,35% del PIL. Per questo, Varsavia intende fare affidamento su un meccanismo di finanziamento paragonabile a quello messo in atto per far fronte alla crisi COVID nel Paese, ovvero una richiesta di risparmio da parte degli stessi polacchi, in un fondo garantito dalla Banca nazionale di sviluppo, dalla BGK e dal Fondo statale FPR.

Gli eserciti polacchi schierano 250 carri pesanti Leopard 2 A4 e A5, parte dei quali è modernizzata secondo lo standard Leopard 2PL

secondo il ministro della Difesa polacco, Mariusz Blaszczak, questo approccio, se ovviamente creerà debito sovrano, consentirà alle autorità di garantire la sicurezza dei polacchi, ritenendo oggi preferibile "indebitarsi" piuttosto che avviare la sicurezza dei propri connazionali cittadini. È vero che con un debito di soli 400 miliardi di dollari, ovvero il 60% del PIL allo stesso livello della Germania, la Polonia è lontana dall'eguagliare campioni europei in questo campo come la Grecia con il 200% del PIL, l'Italia con il 135% del PIL, o la Francia con il 100%, tutte queste cifre risalenti al 2019, vale a dire prima della crisi COVID. Inoltre, procedendo in questo modo, l'investimento destinato alla Difesa è interamente detenuto dai risparmi dei polacchi, e non dai mercati finanziari, un modo per consolidare il meccanismo di finanziamento, nonché il legame tra gli eserciti polacchi e il popolazione del paese.

Questa manna finanziaria dovrebbe consentire, secondo Mariusz Blaszczak, di portare la forza degli eserciti polacchi a 250.000 soldati, a cui si aggiungeranno 50.000 uomini della guardia territoriale. Varsavia avrà quindi di gran lunga la più grande forza armata d'Europa, superando di gran lunga paesi molto più ricchi e popolosi, come Germania, Italia e Francia. Come quello che, quando vogliamo, troviamo soluzioni. altrimenti bastano le scuse...

NEL 2019, Varsavia ha annunciato un ordine per 32 F-35A per sostituire i suoi Su-22 ereditati dall'era sovietica

Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE