Il Giappone vuole "opzioni" di fronte alle nuove capacità balistiche nordcoreane

Fino a poco tempo, Tokyo faceva pieno affidamento sul suo scudo antimissile, e in particolare sui suoi 8 cacciatorpediniere pesanti classe AEGIS Kongo, Atago e Maya, per neutralizzare la minaccia balistica proveniente dalla Corea del Nord. Ma le prestazioni dimostrate negli ultimi mesi della tecnologia di Pyongyang, se lo è missili a traiettoria semi-balistici in grado di muoversi sotto il pavimento di sistemi anti-balisticio nuovi sistemi con alianti ipersonici, hanno in gran parte minato queste certezze, al punto da indurre le autorità giapponesi a considerare opzioni che fino ad ora non erano nemmeno immaginate. Il 23 ottobre, al seguito dell'ultimo test missilistico tattico SLBM di Pyongyang, il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha dichiarato pubblicamente che ora, Tokyo prenderebbe in considerazione tutte le opzioni per neutralizzare questa minaccia.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE