Secondo quanto riferito, la Corea del Nord ha testato un nuovo missile balistico lanciato dal sottomarino

Trascorrono ormai poco più di pochi giorni tra i ripetuti annunci di nuovi test missilistici in Asia. Questa volta, è il turno della Corea del Nord di annunciare il successo del lancio di un nuovo tipo di missile balistico lanciato da sottomarini, denominato missile balistico lancia-sottomarini, o SLBM. . Ma questa volta non si tratta di un imponente missile intercontinentale destinato a colpire bersagli strategici lontani come le città americane, ma di un missile di dimensioni più ridotte, la cui forma e piano di volo ricordano i test effettuati negli ultimi anni da Pyongyang, e che si è posto così molte difficoltà ai sistemi antimissile sudcoreani e giapponesi.

Infatti, le foto pubblicate dall'agenzia di stampa ufficiale della Corea del Nord, rivelano un missile il cui aspetto ricorda il missile KN-23, e il russo SS-26 Iskander-M da cui molto probabilmente deriva, e che una versione trasportata su rotaia è stata testata il 16 settembre. La traiettoria seguita dal missile, con un picco a 60 km e una distanza percorsa di 450 km, ricorda anche le prestazioni di questo missile progettato per operare sotto il piano di ingaggio dei sistemi antibalistici THAAD e SM-3 schierato in Giappone e Corea del Sud dall'esercito americano e dalle forze navali sudcoreane e giapponesi. E se nessun riferimento preciso permette di determinare l'esatta dimensione del missile sulle foto pubblicate, questi parametri sono sufficienti per stimare con un margine di errore ridotto che il nuovo missile testato da Pyongyang appartenga effettivamente a questa famiglia.

Nel 2019, Pyongyang ha effettuato il suo primo lancio di missili SLBM Pukkukson 2, portando la Corea del Nord nel club molto ristretto dei paesi con tale capacità.

Tuttavia, un tale missile, molto più compatto di quello molto imponente Missili balistici intercontinentali Pukkuksong svelata lo scorso anno, offre una maggiore flessibilità di utilizzo per la Corea del Nord, che potrebbe quindi equipaggiare sottomarini di piccole dimensioni, e non l'imponente Sinpo che serve come piattaforma per SLBM intercontinentali nel paese. Con una gittata di 500 km, il missile è infatti perfettamente in grado di colpire obiettivi importanti sia in Giappone che in Corea del Sud, e può quindi essere disseminato a bordo di numerosi sottomarini che sarebbe quasi impossibile neutralizzare. autorità potenzialmente dotate di capacità di attacco nucleare, così come la strategia attualmente attuata da Seoul per neutralizzare la minaccia nucleare del suo vicino.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE