La bomba nucleare B-61 della NATO ha ancora un interesse militare o politico?

Dall'inizio della Guerra Fredda, gli Stati Uniti si sono impegnati a schierare armi nucleari di vario tipo sul suolo dei loro alleati europei, come bombe gravitazionali, missili terra-terra o terra-aria e persino missili aerei. -air rispetto all'AIR-2 Genie, per dissuadere la potentissima Armata Rossa dal cercare di sfruttare il proprio vantaggio numerico in Europa. Senza sapere con precisione quando è iniziato il principio della condivisione nucleare, sembra che fosse già stato attuato nel 1968, durante le prime discussioni tra sovietici e americani su questioni di limitazione delle armi nucleari, da quando Mosca è stata informata di tale disposizione. Concretamente si trattava poi di dotare gli aerei da combattimento di alcuni alleati della NATO di bombe gravitazionali B-61, con un principio di doppie chiavi che permettesse agli Stati Uniti, ma anche al governo del Paese interessato, di s'opporsi all'attuazione di queste armi nell'ambito della NATO. 5 paesi stanno ancora partecipando a questa missione NATO oggi, vale a dire Germania e Italia a bordo dei loro aerei Tornado, Belgio, Paesi Bassi e Turchia a bordo dei loro F-16. Presto, le munizioni saranno sostituite dalla nuova bomba gravitazionale B61 Mod 12, che può essere utilizzata solo da F-35 appositamente modificati per questo scopo.

La coppia F-35 & B61 Mod12

Mentre le 180 bombe nucleari gravitazionali Mod 3,4, 7 e 2010 ancora in servizio in Europa e Turchia erano obsolete, così come gli aerei abilitati ad usarle, diventava urgente, all'inizio del decennio del 61, che la NATO decidesse il futuro di questa misura. Washington decise quindi che una nuova bomba, più precisa ma meno potente, la B-12 Mod4, sarebbe stata sviluppata dalle bombe tattiche Mod 340 esistenti, in modo da sostituire i 110 kt di potenza e i 61 m di precisione del B7 Mod. 50 con una potenza di soli 30 kt con una precisione di 750 metri, e quindi avere una potenza equivalente a quella di una bomba strategica da XNUMX kt per eliminare ad esempio i bunker, limitando le ricadute radioattive e le perdite collaterali grazie a un nucleare "tattico" carica.

Il Tornado IDS della Luftwaffe continua oggi a svolgere missioni di deterrenza a beneficio della NATO.

È stato inoltre convalidato che l'F-35 sarebbe il vettore preferito per questa munizione, grazie alla precisione dei suoi sistemi di puntamento, precisione confermata anche durante i test, poiché la coppia F-35A e B61-Mod12 ha segnato il 100% di tiri in porta durante i 31 test condotti da ottobre 2018 a settembre 2019 con munizioni inerti. È quindi comprensibile il motivo per cui Belgio, Paesi Bassi, Turchia e Italia non abbiano esitato a scegliere l'F-35A per sostituire i loro F-16 e Tornado. E anche se la Turchia è stata espulsa dal programma F-35 e la Germania tenta un bluff con Washington annunciando di voler acquisire 45 Super Hornets e Growler per completare questa missione piuttosto che l'F-35, la volontà di questi paesi di rimanere all'interno di questo accordo di condivisione nucleare sembra prevalere su ogni altra considerazione. Tuttavia, e al di là delle fantasie sul nucleare portate avanti da alcuni, questo schema operativo ha ancora senso oggi, nel contesto geopolitico e tecnologico che ora prevale?

Interesse strategico o tattico molto limitato


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE