Ucraina, Taiwan: gli Stati Uniti cambieranno posizione nei confronti di Russia e Cina?

La mappa geopolitica del mondo di oggi è ancora largamente condizionata dagli accordi firmati durante o subito dopo la Guerra Fredda, ed è stata messa in scena in modo molto efficace da Mosca e Pechino negli ultimi 20 anni, senza né gli Stati Uniti né gli Stati Uniti. in generale non hanno mostrato alcuna determinazione ad opporvisi. Così furono negoziati, dall'inizio degli anni Settanta, gli accordi sino-americani intorno al caso dell'isola di Taiwan, con l'obiettivo di togliere Pechino dall'equazione della Guerra Fredda e del campo sovietico, e questo anche se l'isola aveva nessuna intenzione di aderire alla Repubblica popolare cinese. La nozione di sfera di influenza ereditata dai negoziati del dopo Guerra Fredda nell'Europa orientale è stata anche al centro della politica russa in Ucraina, Moldavia, Bielorussia e Georgia, nonché in molte ex repubbliche sovietiche del Caucaso e dell'Asia centrale.

Negli ultimi anni, sia Pechino che Mosca hanno fortemente intensificato le loro rivendicazioni territoriali e geopolitiche, senza che gli Stati Uniti, né gli europei, né i paesi rivieraschi del Mar Cinese, vi si siano opposti con forza, non volendo minacciarli. fruttuosi rapporti commerciali con la Cina , o la dipendenza dal gas russo, lasciando che i vertici dei due Paesi indurissero le loro richieste, arrivando addirittura a parlare di “linea rossa” se l'Occidente dovesse sfidarli su questi temi. Questo è proprio ciò a cui Washington, ma anche la NATO, sembrano voler porre fine oggi, diverse recenti dichiarazioni puntano chiaramente in questa direzione, mentre le tensioni continuano ad aumentare nei confronti di questi due Paesi. Queste affermazioni suggeriscono che, sotto l'impulso degli Stati Uniti, l'Occidente sarebbe ormai pronto a inasprire i toni nei confronti di Mosca e Pechino, anche a costo di oltrepassare le famose linee rosse tracciate da Vladimir Poutine e Xi Jinping.

L'adesione dell'Ucraina alla NATO per contenere la Russia

In Europa è stato il Segretario Generale della NATO, l'ex Primo Ministro norvegese Jens Stoltenberg, a dichiarare, durante una conferenza stampa successiva alla sua visita a Washington per incontrare il Segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin, che l'Alleanza ora doveva cambiare la sua politica di estensione per far fronte alla crescente minaccia russa. E aggiungere che la nozione di sfera di influenza russa ereditata dalla Guerra Fredda non era più in sintonia con la realtà politica in Europa, e che la NATO non dovrebbe quindi più astenersi dall'accogliere nuovi alleati, anche se dovesse superare le linee rosse tracciate dalla dirigenza russa. Naturalmente si tratta prima di tutto dell'Ucraina, che continua a bussare alla porta della NATO, e in misura minore dell'Unione Europea, dalla sua annessione nel 2014. , della Crimea da parte delle forze russe, e del significativo appoggio dato da Mosca ai secessionisti del Donbass. Va detto che con 255.000 soldati attivi e 900.000 riservisti, le forze armate ucraine potrebbero rappresentare un importante alleato per il fronte orientale della NATO, se l'Alleanza accetta di aiutare Kiev a modernizzare le sue attrezzature militari.

Gli eserciti ucraini sono numericamente più grandi degli eserciti francese, britannico, tedesco o italiano. D'altra parte, hanno essenzialmente solo attrezzature obsolete ereditate dall'era sovietica.

Pochi giorni fa, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ribadito la sua intenzione di integrare il suo Paese nell'Alleanza atlantica, ma anche di reperire i 25 miliardi di dollari che ritiene necessari per la modernizzazione delle sue forze armate. La candidatura di Kiev ha ricevuto, in concomitanza con le dichiarazioni di Jens Stoltenberg, forte sostegno del presidente polacco Andrzej Duda in occasione del Forum di sicurezza di Varsavia tenutosi il 5 ottobre. Inoltre, quest'ultimo ha chiesto una maggiore cooperazione tra NATO e Unione Europea per far fronte alla crescente minaccia proveniente dalla Russia, ritenendo che quest'ultima minacci ora non solo il fronte orientale dell'Alleanza, ma anche i suoi fronti meridionale e settentrionale. E stimare che se, ancora oggi, le forze armate dell'Alleanza Atlantica hanno superato le armate russe, queste ultime hanno avuto una capacità di mobilitazione e dispiegamento dando loro un vantaggio tattico e persino globale in Europa. Non c'è da stupirsi, dal momento che gli eserciti russi hanno dimostrato di essere stati in grado di mobilitare e dispiegare in 3 settimane più di 120.000 uomini sul confine ucraino, dove la NATO è in grado di mobilitarli solo 40.000 nel migliore dei casi su una staffetta simile per dispiegarli ai suoi confini orientali. In queste condizioni, le forze armate ucraine potrebbero ovviamente apportare un valore aggiunto decisivo per dissuadere Mosca da qualsiasi iniziativa infelice in Europa, anche se gli Stati Uniti dovessero essere coinvolti nel Pacifico.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE