Configurazione, pianificazione .. Maggiori dettagli sulle fregate greche FDI HN

L'annuncio fatto il 18 settembre dal primo ministro greco Kyriákos Mitsotákis e dal presidente francese Emmanuel Macron in merito la nuova alleanza formata da Francia e Grecia, nonché ordini per 3 fregate FDI e 6 aerei Rafale era certamente di alto significato politico, ma era anche avaro sui dettagli. È stato quindi necessario attendere l'intervento di questa mattina di Hervé Grandjean, portavoce del ministero delle Forze armate, per approfondire l'argomento. E questa volta i dettagli sono stati numerosi, in particolare per quanto riguarda la configurazione delle fregate elleniche, ma anche per quanto riguarda la tempistica di consegna, e la sua influenza sul rinnovamento delle fregate di 1° grado della Marina francese.

Le fregate FDI HN (Hellenic Navy) saranno quindi diverse dalle loro controparti francesi, contrariamente ai requisiti iniziali di Atene. Infatti, questi attueranno, oltre a Cannone Strales da 76 mm, 4 sistemi di silo verticali SYLVER 50 per ospitare 32 Missili antiaerei a lungo raggio Aster 30 B1 che, associato al nuovo radar a faccia piatta AESA Fuoco di mare 500 de Thales, renderà la nave una piattaforma di difesa antiaerea leader, in grado di bloccare il cielo su oltre 25.000 km2, ovvero il 12% del Mar Egeo per nave. Tuttavia, le fregate manterranno una significativa potenza di fuoco anti-nave con 8 Missili antinave MM40 Block3C con un raggio di oltre 150 km e in grado, se necessario, di colpire bersagli a terra o di dare priorità alla scelta dei bersagli, nonché una capacità di guerra antisommergibile altamente efficace, con il sonar a scafo Kingklip Mk2, un Sonar trainato Captas-4 a profondità variabile, e 2 tubi lanciasiluri tripli armati con siluri antisommergibile Mu-90 leggeri.

Il radar AESA a faccia piatta Thales SeaFire 500 offre prestazioni di rilevamento significativamente migliori rispetto ai radar attuali, incluso il radar Herakles che alimenta le fregate FREMM

In sostanza, quindi, le FDI HN avranno una potenza di fuoco equivalente alle nuove fregate FREMM della classe Alsazia che presto entreranno a far parte della Marina francese, pur avendo un radar decisamente più efficiente, nonostante un tonnellaggio inferiore a oltre 1600 tonnellate. Rafforzeranno drasticamente la potenza navale ellenica e consentiranno ad Atene di mantenere la linea contro il nuove corvette Ada e le fregate Istanbul della Marina turca, offrendo allo stesso tempo alle forze greche un'alternativa navale ai sistemi S-400 acquisiti da Ankara dalla Russia. Con 3 fregate di questo tipo, la Marina ellenica potrà infatti proteggere contemporaneamente più del 60% delle isole greche, mentre con 4 unità potrà creare una zona di disaccesso che si estende dal Bosforo a sud di Cipro.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE