La Marina degli Stati Uniti sta ancora lottando per definire una solida pianificazione per contrastare la Cina

La pianificazione industriale della difesa è un esercizio delicatissimo, che deve conciliare l'anticipazione delle esigenze operative e la sostituzione delle apparecchiature obsolete, i mezzi disponibili di produzione industriale, e le questioni di bilancio. Molto spesso c'è anche un forte vincolo in termini di attività industriale e di benefici economici e sociali dell'investimento, rendendo l'esercizio ancora più difficile. Ma quando questo deve intervenire dopo due decenni di sottoinvestimenti, programmi di suzione creditizia senza concreta applicazione operativa, e di fronte a un potenziale avversario che, dal canto suo, dimostra notevole padronanza e anticipazione altrettanto efficaci in campo, l'esercizio si trasforma in un incubo, e sembra un problema senza alcuna buona soluzione. Questo è ciò che la Marina degli Stati Uniti deve affrontare oggi, e il motivo per cui fatica tanto per concepire una pianificazione industriale solida e coerente per i prossimi due decenni.

Infatti, il capo delle operazioni navali americane, L'ammiraglio Mike Gilday, ha appena informato il Congresso che la presentazione di questo nuovo piano non avverrà nel 2022, come previsto, ma non prima del 2023, anche mentre, nell'ambito delle udienze relative al bilancio 2022 del Pentagono, sia i senatori che i rappresentanti degli Stati Uniti hanno insistito pesantemente sulla necessità di avere al più presto un documento quadro per il rinnovo delle risorse e l'ascesa della US Navy di fronte alla sfida posta dalla Cina e dalla sua impareggiabile produzione navale, che lancia 3 volte di più ogni anno di incrociatori, cacciatorpediniere e fregate rispetto agli Stati Uniti. E se il Pentagono e la Marina degli Stati Uniti non riescono a produrre un piano del genere, e ne rimandano regolarmente la presentazione, è soprattutto perché, nel contesto e con i parametri attuali, non esiste una soluzione soddisfacente al problema.

Le navi robotiche Sea Hunter e Seahawk vengono intensamente testate dalla marina statunitense per valutare il reale potenziale operativo e l'affidabilità in mare di queste tecnologie.

Infatti, nei prossimi 15 anni, la US Navy dovrà contemporaneamente sostituire la sua flotta di sottomarini nucleari di classe Ohio con navi di classe Columbia a 15 miliardi di dollari per sottomarino, le sue portaerei nucleari con l'altrettanto costosa Ford -classe portaerei a $ 12 miliardi ciascuna, i suoi incrociatori di classe Ticonderoga e i suoi primi cacciatorpediniere Arleigh Burke dai cacciatorpediniere Arleigh Burke Flight III a più di $ 2,5 miliardi, o i suoi LHD di classe Iwo Jima da parte di LHA di classe America, sempre a $ 2,5 miliardi. Alla fine, la semplice sostituzione delle navi che lasceranno il servizio attivo nei prossimi 15 anni costerà alla Marina degli Stati Uniti più di 350 miliardi di dollari, ovvero quasi tutto il suo budget di costruzione navale. A ciò si aggiunga la continua sostituzione delle SNA di classe Los Angeles con le navi Virginia da 3,5 miliardi di dollari al ritmo di 3 navi all'anno, e la costruzione di 2 fregate di classe Constellation, per un totale di 12 miliardi di dollari l'anno, e la Marina degli Stati Uniti non ha più alcun margine di manovra nella sua capacità di costruire o espandere la sua flotta nei prossimi 15 anni. Allo stesso tempo, Pechino avrà prodotto tante portaerei, sottomarini e navi d'assalto quante Washington, ma avrà varato da 120 a 140 incrociatori, fregate e cacciatorpediniere di nuova generazione, rispetto ai soli 50-60 degli Stati Uniti. caso migliore.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE