L'Argentina fa un passo avanti verso l'acquisizione di caccia JF-17 Block III sino-pakistano

Dalla fine della guerra delle Falkland, il governo argentino ha dovuto affrontare un fermo blocco da Londra per impedirgli di acquisire nuovi aerei da combattimento. È vero che con due cacciatorpediniere, due fregate, una nave portacontainer e una nave d'assalto della Royal Navy al merito dei piloti argentini ai comandi dei loro Mirage, Skyhawk e Super-Etendard, si capisce che l'ipotesi di vedere Buenos Aires riacquistare una moderna aeronautica non poteva certo deliziare le autorità britanniche. Essendo tutti i caccia occidentali dotati di sedili eiettabili del produttore britannico Martin Baker, l'opposizione di Londra è stata, per lungo tempo, potenzialmente assoluta, e tutte le iniziative per modernizzare la flotta aerea argentina con i produttori di aerei occidentali sono fallite. , il fenomeno è accentuato dalle gravi difficoltà economiche incontrate nel Paese.

Quello che doveva succedere, è successo, e Buenos Aires alla fine si è rivolta a soluzioni non occidentali nel tentativo di fornire una risposta alla sua flotta di caccia sul punto di essere completamente a terra. Mentre i negoziati con Mosca inciampavano su questioni di bilancio e sulla minaccia di Washington di avvalersi della legislazione CAATSA, le discussioni con Pechino intorno caccia leggero cinese-pakistano JF-17 sono stati perseguiti, nonostante il principale utilizzatore del dispositivo, l'aviazione pakistana, utilizzi anche i seggiolini eiettabili Martin-Baker. La soluzione pare sia stata trovata da quando compare la pianificazione del budget 2022 del Ministero della Difesa argentino una linea di credito da $ 664 milioni denominata per l'acquisizione di caccia JF-17 Block III.

Un Mirage 5 argentino attacca la flotta britannica durante lo sbarco di Port San Carlos il 22 maggio 1983

Non è, in senso stretto, una conferma d'ordine. Tuttavia, le autorità del paese sono abbastanza fiduciose nelle possibilità di raggiungere rapidamente un contratto applicabile per riservare $ 664 milioni, che rappresentano ancora lo 0,15% del PIL del paese, per questo programma. Inoltre Pechino, che rimane il principale produttore del dispositivo, ha sviluppato una propria gamma di sedili eiettabili, derivati ​​da modelli russi, e potrebbe infatti offrire un'efficace alternativa a Buenos Aires in questo settore chiave. Infine, 664 milioni di dollari corrispondono più o meno a quanto ci si può aspettare da un contratto per 12 velivoli JF-17 Block III con un minimo di pezzi di ricambio, un simulatore e un addestramento adeguato. Per gli armamenti, invece, è probabile che bisognerà attendere il 2023 e una dotazione aggiuntiva.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE