Con l'ARCAS, Elbit proietta il soldato di fanteria nel futuro

Il cinema di fantascienza è pieno di armi futuristiche in grado di localizzare un bersaglio nascosto, trasformare un principiante in un cecchino esperto o coordinare e presentare informazioni sul campo di battaglia. Se James Cameron l'ha immaginato, l'azienda israeliana Elbit, ha trasformato questa visione in un vero fucile d'assalto, l'ARCAS, che sarà presentato la prossima settimana al DSEI di Londra. E infatti, l'Assault Rifle Combat Application System offre infatti una promessa di capacità senza paragoni con le armi di fanteria esistenti, anche le più moderne, riunendo in un unico equipaggiamento, un fucile d'assalto, un sistema elettrico. o ottica a infrarossi, e un sistema di informazione e comando tattico, il tutto controllato tramite un semplice mini-joystick integrato nell'impugnatura di mira dell'arma.

Infatti, il fante equipaggiato con l'ARCAS riceve, tramite il mirino telescopico o un monoculare, molte informazioni integrate sotto forma di realtà aumentata sul suo ambiente, provenienti dalla sua arma, dal suo sistema elettro-ottico e da altro personale dotato con ARCAS, e anche altri sistemi presenti sul posto, come i droni, essendo tutti fusi dall'unità di elaborazione dell'arma per essere presentati allo stesso modo più efficace al soldato. Così, grazie a un'interfaccia uomo-macchina semplice ed ergonomica, il soldato può rilevare bersagli mobili invisibili anche con un intensificatore di luce, identificare l'origine delle minacce e persino correggere il suo tiro in base ai parametri, in modo da mettere a fuoco. .

Elbit ha sviluppato un'interfaccia uomo-macchina semplice e intuitiva che consente di controllare tutte le funzionalità ARCAS tramite un mini-joystick integrato nell'impugnatura dell'arma.
[armelse] [/ arm_restrict_content]

Ma queste sono solo le funzionalità iniziali di ARCAS. Elbit, infatti, ha progettato l'arma attorno a un sistema aperto, che consentirà di estenderne le funzionalità in modo semplice e veloce, collegandolo al sistema di gestione del campo di battaglia o a sistemi correlati, come droni leggeri, sistemi di rilevamento, elettro-ottici, sonori o sistemi di rilevamento secondario elettromagnetico, nonché una gamma non esaustiva di sistemi secondari con capacità complementari a quelle dell'arma. Inoltre, a differenza dell'IVAS dell'esercito americano, che poggia gran parte del sistema sull'elmetto militare, la maggior parte del peso qui è integrato nel fucile d'assalto, e solo l'oculare di puntamento e la realtà aumentata appesantiscono l'elmetto militare. Il sistema integra anche molte funzioni utili, come la geolocalizzazione e la navigazione, la possibilità di registrare il video dell'ingaggio, oltre a una importantissima funzione di formazione in realtà aumentata.

Queste nuove capacità riunite in ARCAS potranno quindi dare un vantaggio ai soldati israeliani, e per estensione, all'Occidente, mentre quelli che da più di 3 decenni sono il loro punto di forza, come i sistemi di comunicazione, la geolocalizzazione o gli elmetti dotati di i binocoli visivi stanno diventando sempre più diffusi, anche tra i gruppi di combattenti non statali. Infatti, e al di là delle capacità avanzate di impegno cooperativo, sembra infatti decisivo dare alle forze di fanteria occidentali un valore aggiunto tecnologico sufficiente per riconquistare il predominio sul campo di battaglia, anche se altri paesi, come Cina e Russia, stanno sviluppando anche fanteria molto avanzata sistemi di combattimento, come il russo Sotnik, un'evoluzione del Ratnik, che integrerà, come ARCAS, rilevamento avanzato e capacità di combattimento cooperativo.

Video promozionale di ARCAS di ELBIT

Se ARCAS non offre nuove funzionalità in senso stretto, poiché ognuna di esse esiste già ed è già stata implementata, il tour de force di Elbit è stato riuscire a riunirle tutte nell'impugnatura prima di un fucile d'assalto, e implementarle contemporaneamente e in modo cooperativo , peraltro in un sistema orientato alla scalabilità, senza appesantire indebitamente arma e fante. poiché l'ARCAS in versione fucile d'assalto pesa solo 1 kg batterie comprese, e la versione a canna corta delle forze speciali non supera gli 850 gr. Resta da vedere, d'ora in poi, il comportamento del sistema nel funzionamento reale. Si può infatti temere che un mini-joystick non supporti i vincoli del combattimento di fanteria, o che le capacità di impegno cooperativo e di comunicazione tra ARCAS possano essere facilmente alterate, o addirittura alterate da un'intrusione informatica, o tutto. . Detto questo, Elbit ha una certa esperienza in tutte queste aree, compreso lo sviluppo del sistema di gestione del campo di battaglia BMS utilizzato dall'esercito israeliano.

Ultimo criterio, ma significativo, il prezzo del sistema è attualmente sconosciuto. È facile immaginare che questo supererà di gran lunga i prezzi degli attuali fucili d'assalto, anche i più avanzati, poiché è contemporaneamente un'arma, un sistema di ingaggio cooperativo e un sistema di simulazione e addestramento. Ma è anche importante tenere presente che gran parte degli eserciti, soprattutto gli eserciti occidentali che possono permettersi di acquisire un tale sistema, già operano un proprio sistema di gestione del campo di battaglia, che potrebbe quanto prima fare quindi doppio uso con le funzioni di ARCAS. Inoltre, la recente esperienza dell'esercito australiano con l'Elbit BMS rischia di pesare sull'apprezzamento da parte dei militari di questo sistema. Pertanto, se ARCAS prefigura senza dubbio le capacità delle armi di fanteria di domani, c'è ancora molta strada da fare prima che Elbit riesca a renderlo più di una star dello spettacolo di armamenti.

[Armelse]

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


[/ Arm_restrict_content]

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE