Per il capo della caccia statunitense, il valore aggiunto della 5a Generazione è tutt'altro che scontato

Con più di 6000 ore registrate sul suo diario di bordo su F-15C, F-15E, F-16, F-35A e persino F/A-18 durante il suo passaggio in Australia, il generale Mark D. Kelly, che Comanda il caccia dell'aeronautica americana, è ciò che viene comunemente chiamato in questo ambiente, "un Mustachu". Infatti, quando si esprime la propria opinione sulle prestazioni dell'F-15EX dopo aver preso il controllo dell'aereo, è importante prestare attenzione a ciò che ha da dire. Fervente sostenitore del nuovo caccia Boeing all'interno della US Air Force, anche quando quest'ultima era più che riluttante ad arrivare, l'ufficiale era pieno di elogi per l'aereo, e tanto più che trascorse la maggior parte della sua carriera di pilota a i comandi dei suoi fratelli maggiori, l'F-15C per la superiorità aerea e l'F-15E Strike Eagle per le missioni d'attacco.

Essendo uno dei pochi piloti ad aver pilotato l'F-35A e l'F-15EX e ad essere qualificato sui 2 caccia, è stato naturalmente interrogato sulle differenze tra i due velivoli che, secondo uno dei giornalisti presenti, non appartengono alla stessa generazione. "Di cosa stiamo parlando esattamente? Stealth, sensori e data fusion, armi, avionica? " ha chiesto il generale al giornalista, "perché non c'è dubbio che un avoin di 4a generazione che avrà ricevuto (come l'F-15EX) i sensori, l'avionica e gli armamenti di 5a generazione, porterà un grandissimo valore aggiunto operativo contro i suoi avversari" . E per ricordarloL'F-15EX faceva parte dei modelli di aerei 4 + 1, con l'F-35A, la sostituzione per l'F-22 dal programma NGAD, l'F-16 (e il suo potenziale sostituzione anche dal programma NGAD) e l'A-10, che formerà la flotta di caccia dell'aeronautica statunitense nel 2030.

Per far fronte all'ascesa della potenza cinese, l'aeronautica statunitense sa che deve acquisire rapidamente nuove capacità operative

In effetti, la definizione stessa di aereo di quinta generazione è, a dir poco, imprecisa. Inizialmente, questa era una classificazione che designava l'F-5 e le sue capacità innovative, vale a dire la furtività multi-aspetto, la super crociera o la capacità di mantenere il volo supersonico senza ricorrere al postcombustore, l'iper-manovrabilità e le capacità avanzate di rilevamento e fusione dei dati. Ma con l'arrivo dell'F-22, che non poteva essere altro che l'archetipo della 35° generazione, è stato necessario cambiare questa definizione, poiché se il dispositivo era sicuramente furtivo, ma non in modo multiforme, era non era né super-manovra, al contrario, né dotato di super-crociera, nemmeno lottando per mantenere il volo supersonico a pieno livello dopo la combustione senza deteriorare rapidamente il suo rivestimento anti-radar. Da quel momento in poi, la 5a generazione è diventata una sorta di concetto astratto in cui sono entrati solo dispositivi di recente progettazione, dotati di un minimo di stealth, e sensori moderni. È così che sono apparsi il Su-5 e il J-57, designati anche di quinta generazione, perché soddisfano più o meno questi criteri. Tuttavia, per molti, la semplice designazione di dispositivo di quinta generazione è stata sufficiente per dimostrare la sua assoluta superiorità rispetto ai dispositivi più vecchi.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE