Australia e Stati Uniti progettano in anticipo il missile da crociera ipersonico

Ad oggi, ci sono tre approcci tecnologici alla progettazione di un missile ipersonico. Il primo è basato su un missile che segue una traiettoria semi-balistica e che ha carburante sufficiente per mantenere la sua velocità fino all'impatto. Questo è il caso di Kh47M2 Kinzhal, un missile aereo derivato dal missile balistico a corto raggio Iskander, che risparmia il prezioso carburante necessario per le corse ipersoniche grazie al lanciatore Mig-31K o Tu-22M3. Il secondo approccio è quello dell'aliante ipersonico, un proiettile progettato per mantenere velocità e manovrabilità ipersoniche durante tutta la fase di discesa dopo essere stato portato ad altissima quota e altissima velocità da un missile balistico. Più pesante del precedente, questo sistema si adatta soprattutto ai sistemi strategici, così da evitare, attraverso le sue capacità di manovra e la sua velocità, difese antimissile ad impatto cinetico come il THAAD. Anche in questa zona la Russia è avanti di un cubito, essendo entrato l'aliante ipersonico Avangard in servizio da 2 anni per equipaggiare i missili ICNM RS-28 SARMAT forze strategiche russe.

Il terzo approccio è anche il più complesso, poiché prevede la propulsione di un missile in evoluzione negli strati più bassi dell'atmosfera, quindi con scarsissimo supporto della gravità, fino a velocità pari o superiori a Mach 5, grazie a particolari motori chiamato Scramjet. A metà strada tra il ramjet e il turbojet, lo Scramjet permette di utilizzare l'aria atmosferica come ossidante, riducendo così notevolmente il missile, pur mantenendo una combustione controllata nonostante una velocità del flusso di gran lunga superiore a quella che può sopportare i turboreattori convenzionali, che richiedono un subsonico flusso d'aria per controllare la combustione. Lo sviluppo dello Scramjet è una delle maggiori sfide nella competizione tra le grandi nazioni e le maggiori compagnie aeronautiche mondiali, sia in campo militare che civile. Tuttavia, ancora una volta, sembra che sia stata la Russia a partire nel migliore dei modi il missile 3M22 Tzirkon, capace di evolversi fino a Mach 8 e di percorrere 1000 km per colpire il suo bersaglio navale.

Il missile russo 3M22 Zirkon entrerà in servizio entro la fine dell'anno sulla terza fregata del Progetto 22350, l'ammiraglio Golovko.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE