Il programma Tempest sarebbe a rischio secondo l'autorità di perizia pubblica britannica

Dal suo annuncio ufficiale nel luglio 2018, il programma British Future Combat Air System pilotato da BAe, e il suo caccia Tempest di nuova generazione, sono stati il ​​simbolo dell'autonomia strategica riconquistata per Londra in seguito al referendum del 2016 che darà origine alla Brexit. Quasi 50 anni dopo l'Harrier, la Gran Bretagna annunciò infatti di intraprendere la progettazione e la costruzione in autonomia di un nuovo aereo da combattimento destinato a sostituire il Typhoon progettato e costruito in collaborazione con la Germania, l'Italia e la Spagna. E se l'Italia e poi la Svezia si sono rapidamente dichiarate interessate a questo programma, saranno proprio le finanze pubbliche britanniche a sostenere il grosso dei costi di sviluppo del dispositivo e del suo sistema di sistemi, il memorandum d'intesa (non vincolante) che vincola Londra, Roma e Stoccolma non è stato firmato fino alla fine del 2020, e gli investimenti italiani e svedesi durante i primi 6 anni del programma sono rimasti particolarmente limitati.

Infatti, la questione della sostenibilità di bilancio dello sforzo richiesto alle finanze pubbliche britanniche è stata oggetto di particolare attenzione, sia nella sua concezione che nella sua comunicazione, avendo il Ministero della Difesa addirittura incaricato un gabinetto di esperti indipendenti di valutare la situazione economica l'efficienza del programma e la sua sostenibilità a lungo termine. Secondo i risultati di Price Waterhouse Cooper, i 500 milioni di sterline che Londra si accinge a investire ogni anno tra il 2021 e il 2025, quindi i miliardi di sterline che verranno investiti ogni anno fino al 2040, creeranno 21.000 posti di lavoro diretti e indiretti nel Paese, e genereranno oltre 21 miliardi di sterline di reddito economico conseguenze. Poche settimane dopo, è toccato a Roma presentare il suo piano di investimenti in questo programma, con una dotazione globale di 2 miliardi di euro che saranno investiti entro il 2035. A prima vista, dunque, il futuro del programma sembrava garantito.

Il Tempest dovrà sostituire i Typhoon britannici e italiani per evolversi al fianco degli F-35A/B in servizio nei due Paesi.

Tuttavia, questa non è la conclusione raggiunta dagli esperti della UK Infrastructure Project Authority, l'autorità di supervisione per i principali programmi pubblici del paese. Nel suo rapporto 2021 sul portafoglio dei principali programmi di governo, l'organizzazione attribuisce al programma Tempest a classificazione molto inquietante "Ambra/Rosso" segnalando un programma molto squilibrato o in grande pericolo. Per l'IPA, il livello di investimento attualmente pianificato da Londra non consentirà di raggiungere gli obiettivi tecnologici presentati nelle specifiche del programma, nell'attuale tempistica di pianificazione. In particolare, il livello di finanziamento dei primi 4 anni del programma, che porta gran parte dell'analisi finalizzata all'eliminazione dei rischi, è considerato molto al di sotto di quanto dovrebbe essere per un'esecuzione ragionevole e sicura nei tempi previsti. considerato.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE