La Cina costruirà il terzo sito di lancio di missili nucleari ICBM

All'inizio di luglio 2021, due ricercatori americani hanno dimostrato la costruzione di un grande sito negli altopiani di Gunza, tra Mongolia e Tibet, destinato ad ospitare almeno 119 silos in grado di implementare missili balistici intercontinentali ICBM, un primo per Pechino che fino ad ora aveva schierato solo 2 siti limitati per implementare la generazione di missili DF-5, e che sembrava fare affidamento soprattutto su i suoi nuovi ICBM mobili DF-41 per rafforzare l'ascesa della sua forza deterrente strategica. 3 settimane dopo, individuata la costruzione di un secondo sito, a circa 380 km dal primo da questi stessi ricercatori, in un articolo pubblicato dall'American Scientist Society, sempre con più di cento silos potenzialmente in costruzione. Il 12 agosto è la volta di un terzo sito, situato nella Mongolia Interna nella regione di Hanggin Banner vicino alla città di Ordos, essere stato identificato dai servizi segreti americani sulla base delle istantanee catturate dal satellite europeo Sentinel-2, con almeno 29 nuovi silos in costruzione per un totale stimato tra 30 e 36 silos, secondo Roderick Lee, direttore della ricerca del China Aerospace Studies Institute, ha affermato che un'organizzazione affiliata con l'aeronautica americana.

Questi nuovi siti in costruzione, così come quelli molto più piccoli già esistenti, indicano chiaramente che Pechino ha intenzione di "aggiornarsi" rapidamente nel campo del potere deterrente nucleare nei confronti delle due grandi potenze mondiali in questo ambito. Stati Uniti e Russia. Infatti, se ammettiamo che tutti i silos costruiti saranno effettivamente armati con missili ICBM DF-41 con una gittata stimata da 12.000 a 15.000 km, Pechino schiererebbe più di 300 ICBM, mettendo la Cina alla pari con Mosca.(307 ICBM ) e vicino a Washington e ai suoi 399 Minuteman III schierati fino ad oggi. Per quanto riguarda la Russia e gli Stati Uniti, Pechino schiererà anche una flotta di oltre una dozzina di sottomarini nucleari che lanciano dispositivi armati di missili SLBM intercontinentali di cambio medio, oltre a una sessantina di bombardieri strategici, oggi. 6, versione ampiamente modernizzata del sovietico Tu-16, e domani dell'H-20, bombardiere strategico stealth che vuole essere la risposta cinese al B-21 Raider americano, così da essere alla pari con i due super- storiche potenze nucleari.

Il missile cinese DF-41 ICBM sostituirà i missili DF-5 a propellente liquido nei silos cinesi, consentendo un dispiegamento molto più rapido in caso di minaccia.

L'aumento del numero di vettori nucleari per Pechino può essere giustificato dalle ambizioni cinesi di eguagliare o addirittura superare gli Stati Uniti in tutti i settori, compreso quello della deterrenza. Prenderebbe in considerazione anche i progressi compiuti nel campo dei sistemi antibalistici come il THAAD e l'americano SM3, il russo S-500, o il futuro sistema europeo TWISTER, che tendono a ridurre l'efficacia operativa ma anche psicologica della deterrenza nucleare, con la promessa, a volte rischiosa, di intercettare i vettori prima che colpiscano i loro obiettivi. Infatti, come gli attacchi aerei, è ora necessario moltiplicare i vettori per andare oltre le capacità di intercettazione dell'avversario, e quindi mantenere l'efficacia della deterrenza nucleare. Infine, aumentando il numero di siti e silos, Pechino sta designando obiettivi strategici per i missili avversari, che dovranno quindi eliminare prioritariamente le capacità di risposta nucleare cinese in caso di conflitto, riducendo così le capacità di attacco verso altri obiettivi. , come siti industriali o città.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE