Con il missile antinave 3M22 Tzirkon la Marina russa vince in Europa

Lasciata inutilizzata per quasi 20 anni dopo il crollo dell'Unione Sovietica, la ricostruzione della potenza marittima russa, così come dell'industria navale militare del paese, sta ora iniziando a mostrare i frutti degli sforzi di Mosca negli ultimi 10 anni. Con l'entrata in servizio di nuove fregate Project 22350 dell'Ammiraglio Gorshkov, Corvette Steregushchyi dal progetto 20380 e Gremyashchyi dal Progetto 20385, di sottomarini convenzionali Progetto 636.3 Kilo . migliorato, E sottomarini a propulsione nucleare Progetto 885-M Iassen-M e progetto 955 Boreï-A, ora ha navi che non hanno nulla da invidiare alle loro controparti occidentali, anzi. Ma un'arma, la cui entrata in servizio sarebbe imminente, potrebbe dare un vantaggio più che significativo alle navi russe, il missile antinave ipersonico 3M22 Tzirkon.

Se i riferimenti pubblici allo Tzirkon si moltiplicassero alla fine degli anni 2010, il programma che lo ha dato vita, affidato al missile NPO Mashinostroyeniya, sarebbe molto più antico, e sarebbe stato avviato all'inizio degli anni 90. che fino a poco tempo fa, nessuno considerava come un grande potenziale avversario la Marina russa, che lottava, alla fine degli anni 2000, per mantenere un unico lanciamissili sottomarino nucleare, eppure il perno della deterrenza dal Paese, verso il mare, e di cui la maggioranza delle grandi unità navali a quel tempo difficilmente superavano i 30 giorni in mare all'anno. Ma gli sforzi a favore di l'ammodernamento di questa flotta, ma anche delle infrastrutture industriali destinate a produrre e mantenere queste navi these, iniziato nel 2012, ha rapidamente cambiato la situazione e il numero di navi russe in mare è cresciuto rapidamente negli ultimi anni.

Il primo test del missile 3M22 Tzirkon è avvenuto nell'aprile 2017. Da allora, il missile è stato testato numerose volte, anche a bordo della fregata Admiral Gorshkov e dei suoi silos 3S14 UKSK.

Allo stesso tempo, il programma 3M22 ha raggiunto la maturità, e le sue caratteristiche annunciate presto cominciarono a diventare motivo di vera preoccupazione in Occidente, anche se molti, fino a poco tempo fa, dubitava che un missile ipersonico potesse essere in grado di colpire una nave in movimento in mare. Recenti test effettuati dal missile, tra cui l'ultimo ha avuto luogo la scorsa settimana aprendo la strada ai test di qualificazione statale, ha mostrato che non solo lo Tzirkon era davvero ipersonico, dal momento che aveva raggiunto velocità di Mach 7 e anche Mach 8, ma che la sua gittata era effettivamente consistente (senza dimostrare i 1000 km annunciati), e soprattutto che era in grado di raggiungere obiettivi mobili in mare, così come obiettivi di terra, con grande precisione.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso agli articoli di notizie, analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti. L'abbonamento deve essere sottoscritto il il sito web di Meta-Defense

Solo fino a domenica, approfittane 20% di sconto sul tuo abbonamento annuale (pro/personale/studente) con il codice ESTATE 2021


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE