Il numero di F35 che gli Stati Uniti dovranno ordinare sarà ridotto?

Sebbene ci siano molte voci, anche al Pentagono, di una probabile diminuzione significativa del volume di F35 che saranno ordinati e schierati dalle forze armate statunitensi negli anni a venire, non è stato fatto alcun annuncio formale in tal senso. stato fatto, e nessun arbitrato è stato reso pubblico. Tuttavia, nei giorni scorsi, diverse dichiarazioni correlate sia dell'aeronautica statunitense che della marina statunitense sembrano indicare che questo calo sarebbe, per così dire, inevitabile, per non dire già bello e ben registrato.

Il primo di queste dichiarazioni provengono dal tenente gen. David Nahom, Vice Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare degli Stati Uniti, nel corso di un'audizione al Congresso relativa alla preparazione di un rapporto sul futuro di questo esercito, e in particolare su nozioni di sostenibilità di bilancio dello sforzo attuale. Se la segnalazione avverrà solo entro poche settimane, il N°2 della US Air Force ha però insistito affinché l'F35 rimanesse la parte centrale del sistema aereo da affiancare il caccia da superiorità aerea del NGAD, il dispositivo che agisce sia come effettore stealth (come l'F117 ad esempio negli anni '90 e 2000), sia come piattaforma per ottimizzare l'azione aerea a favore di altri dispositivi. Ed è proprio in questa lista di dispositivi citati che il futuro dell'F35 sembra compromesso. Infatti, come il generale Brown, capo di stato maggiore dell'USAF, poche settimane fa, il generale Mahon ha ribadito la volontà di attuare nel 2030 una flotta di 5 velivoli, ovvero l'F35A, il sostituto dell'F22 del programma NGAD, l'F15EX, l'A-10, nonché l'F-16 e il velivolo che lo sostituirà, caccia leggero ed economico in uso posizionato tra il 4° e il 5a generazione.

L'F15EX, un tempo imposto all'aeronautica statunitense da Donald Trump, appare ora come un'alternativa d'elezione per contenere l'ascesa delle forze aeree navali cinesi nel Pacifico occidentale

In altre parole, e senza mezzi termini, il sostituto dell'F16 non sarà l'F35A, come ci si aspettava fino ad ora, ma questo nuovo dispositivo il cui primo riferimento ufficiale è apparso solo 3 mesi fa. , e che ha scatenato una vigorosa protesta di un centinaio di parlamentari e gli industriali Lockheed-Martin e Pratt @ Whitney. Tuttavia, la sostituzione dell'F16 è stato proprio il primo obiettivo individuato per il programma Joint Strike Fighter e l'F35, poiche' l'USAF sta ora implementando quasi 800 F16 di diversi modelli. Pertanto, l'ipotesi di un ordine per F35A ridotto a 800 o 850 esemplari, di cui 283 già consegnati, ha naturalmente senso, poiché questo numero corrisponde alla sostituzione degli A10 e di parte degli F15 dell'US Air Force, il resto è responsabilità dell'F15EX destinato a sostituire parzialmente l'F15C.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso agli articoli di notizie, analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti. L'abbonamento deve essere sottoscritto il il sito web di Meta-Defense

Solo fino a domenica, approfittane 20% di sconto sul tuo abbonamento annuale (pro/personale/studente) con il codice ESTATE 2021


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE