La manutenzione dell'F-35 sarà (molto) troppo costosa nel 2036, secondo il GAO e l'US Air Force

Ogni anno, il Government Accountability Office, l'equivalente americano della Corte dei conti, presenta un rapporto sul programma F-35 e ogni anno, dal 2012, questo rapporto avverte del muro di bilancio che costituirà la manutenzione dell'aeromobile. non appena sarà entrato in servizio su vasta scala negli eserciti statunitensi, ed in particolare nell'US Air Force, che prevede di acquisire 1.763 unità. E la relazione di quest'anno non ha fatto eccezione, poiché l'ufficio stima che, nello stato di previsione dei costi di manutenzione, vale a dire tenendo conto delle diminuzioni previste in futuro in applicazione delle metodologie di ottimizzazione dei costi già attuate, la manutenzione degli F35 americani genererà un sovrapprezzo di bilancio di $ 6 miliardi nel 2036, di cui 4,4 miliardi di dollari per la sola US Air Force, quando il velivolo avrà raggiunto il suo picco operativo nelle 3 forze armate statunitensi che lo implementano, l'USAF con l'F-35A, la US Navy con l'F-35C e gli Stati Uniti Corpo dei Marines con l'F-35B.

Ma una cosa è molto diversa quest'anno dagli anni precedenti. In effetti, l'aeronautica statunitense, che fino ad ora aveva sostenuto con le unghie e con i denti i suoi aerei e i suoi obiettivi, ha ovviamente voltato completamente la faccia, non solo dando credito alle proiezioni del GAO, ma aggiungendo che come è attualmente, l'unico mezzo a sua disposizione per poter supportare la sua flotta di F-35, sarebbe o ridurne il volume riducendo il numero di aeromobili, oppure ridurne l'attività, riducendo il numero di aeromobili. di ciascun aeromobile. E per aggiungere che, secondo lei, non esistono più soluzioni applicabili in grado di ridurre significativamente i costi di manutenzione dell'F35 che consentano di cogliere le proiezioni di sostenibilità di questa flotta, unendosi a questo l'opinione espressa dal Generale Kelly, il Comandante dell'American Fighter, solo una settimana fa.

Se i prezzi unitari di acquisizione dell'F35A hanno raggiunto gli obiettivi fissati da Lockheed-Martin, i costi di manutenzione rimangono così elevati da richiedere una riduzione del 35% del numero di ore di volo annuali, o 65 ore di volo. , per rendere sostenibile il budget della flotta di 1.763 velivoli prevista per l'aeronautica statunitense nel 2036

Ovviamente, nessuna di queste soluzioni è, infatti, accettabile per l'aeronautica statunitense, che ora deve prepararsi a resistere alla fiorente aeronautica cinese, così come alla rinata aeronautica russa. Ridurre il numero di F35 per raggiungere la sostenibilità complessiva, ovvero più di 700 velivoli per compensare il deficit di 4,4 miliardi di dollari a 6,1 milioni di dollari per aereo all'anno, ridurrebbe in effetti il ​​volume della flotta del 25%. la necessità di dispiegamento crescerà negli anni a venire, e la "massa" tornerà ad essere una posta in gioco importante di fronte alle due superpotenze, cinese e russa. Diminuire il numero di ore di volo annuali di ciascun aereo sarebbe una soluzione ancora più disastrosa, qualunque cosa possano dire i venditori della Lockheed-Martin, l'aeronautica statunitense sa benissimo che la sua efficienza dipende in gran parte dall'eccellenza dell'addestramento e dell'addestramento dei piloti, e diversi i rapporti pubblicati negli ultimi anni al di là dell'Atlantico insistono sul ruolo decisivo che la formazione degli equipaggi rappresenta in questo settore.

Ce Cambio di postura dell'aeronautica americana, che può sembrare brutale, in realtà deriva dauna strategia attuata da diversi anni a, con ogni probabilità, uscire dall'impegno di 1.763 velivoli, e sostituire parte dell'F-35A con un velivolo molto più adatto alle esigenze e alle esigenze operative che ora intende affrontare, in particolare nel Pacifico. Infatti, negli ultimi anni, l'USAF ha meticolosamente messo in discussione il modello industriale e tecnologico del programma F-35, la sostenibilità dei suoi costi, le sue esibizioni al Pacific Theatre, e ha persino iniziato a offrire alternative di output, sia sviluppando un nuovo dispositivo di media generazioneo ordinando nuovi F-16, sia estendendo l'ambito del programma NGAD, il tutto senza mai confrontarsi a viso aperto con questo programma che, ovviamente, non si addice più ai conflitti che verranno.

Il programma NGAD dell'USAF potrebbe sostituire molto di più dell'F22 Raptor, ma anche gran parte degli altri caccia attualmente in servizio, inclusi l'A10 e l'F16.

Ricordiamo che i capi della US Air Force sono soldati, e come tali, hanno alcune nozioni di strategia. Sanno benissimo che il programma F-35 gode di un un sostegno industriale e soprattutto politico molto importante, e che ha una leva estremamente potente, in particolare in termini di posti di lavoro, negli Stati più popolosi degli Stati Uniti come California, Texas o Florida, che sono anche gli Stati che hanno il maggior numero di Rappresentanti al Congresso. Da allora, una strategia di equilibrio del potere avrebbe pochissime possibilità di successo, poiché il sostegno politico al programma è feroce, soprattutto verso le loro controparti del Congresso che sono più critiche nei suoi confronti. Di conseguenza, l'USAF si impegnò a tagliare metodicamente tutti i rami su cui si basava il supporto dell'F35, attaccandone i costi, ma anche le prestazioni, soprattutto contro la Cina nella vastità del Pacifico, dubitando apertamente delle ambizioni pubbliche del programma, e soprattutto aprendo la porta non a una, ma a diverse alternative, facendo cadere nettamente il dispositivo dal piedistallo su cui era stato posato per due decenni.

Possiamo anche aspettarci, entro due o tre anni, quando la pressione sarà massima sul programma, che l'US Air Force presenti, nell'ambito del programma NGAD, un dimostratore sviluppato in maniera riservata. , che per l'appunto soddisferebbe tutti delle sue esigenze per completare il caccia da superiorità aerea che andrà a sostituire l'F22 anch'esso sviluppato all'interno di questo programma. È anche abbastanza divertente, e difficilmente difficile, immaginare quali saranno le caratteristiche di un dispositivo del genere, che dovrà avvicinarsi alla 5a generazione (classificazione che perde ogni giorno di più il suo significato) ovvero essere discreto e capace combattere in cooperazione, che dovrà avere un raggio d'azione esteso fino a 1.200 nm per essere efficace nel Pacifico, la cui manutenzione e implementazione saranno semplificate ed economiche (tra 15 e 20 ore di manutenzione e gli attuali $ 17.000 a $ 20.000 per ora di volo), e che sarà in grado di completare un gran numero di missioni grazie a una velocità massima prossima a Mach 2 e super-cruising, una notevole manovrabilità in alta e bassa quota e una grande capacità di carico (oltre 6 tonnellate) . Una configurazione bimotore sarebbe anche preferita per il teatro del Pacifico. Senza dubbio hai un'idea di un modello di dispositivo che soddisferebbe già queste specifiche.

L'addestramento dei caccia a 4 dita potrebbe rivelarsi troppo costoso per essere implementato in futuro dall'aeronautica statunitense.

Resta il fatto che al di là della problematica prettamente americana riguardante il programma, l'F35 è stato scelto anche da 14 forze aeree del mondo, di cui 8 europee, e che il dispositivo dovrebbe costituire uno dei pilastri della difesa del vecchio continente per i prossimi 40 anni. Tuttavia, la riduzione del volume degli ordini dall'aeronautica statunitense, che ad oggi rappresenta il 50% del volume totale di velivoli da produrre, avrà un impatto sulle forze aeree europee come l'aeronautica statunitense e la marina statunitense. Oggi, al Pentagono, viene spesso proposta la cifra di 1.200 F35A per l'US Air Force, ma alcuni preferirebbero considerare da 800 a 850 velivoli, ovvero una riduzione del 50% della flotta prevista, e del 25% del volume di aerei da produrre. È inoltre quest'ultima ipotesi che deve essere mantenuta se si spera di risparmiare una parte significativa dei 4,4 miliardi di $ di costi aggiuntivi dell'US Air Force all'anno sostituendo un dispositivo a 33.000 $ per ora di volo con un aereo a $ 18.000 (in $ 2021) per ora di volo oltre 200 ore di volo annuali. Da notare che per compensare questi stessi 4,4 miliardi di dollari l'anno di costi aggiuntivi sulla sola ipotesi di una riduzione del numero di ore di volo per aeromobile, sarebbe necessario ridurre 65 ore di volo all'anno per cella, il che non avrebbe quindi volato più di 120 ore all'anno, trasformando l'USAF in un club di volo di lusso.

Naturalmente, tali differenze sconvolgerebbero profondamente il programma e la sua struttura dei costi, con un probabile aumento dei costi di acquisizione, manutenzione e soprattutto dei costi di manutenzione evolutiva e di ricerca e sviluppo, che aumenterebbero automaticamente di almeno il 20-25% annuo. un caso. È anche probabile che i clienti Lockheed-Martin affronteranno presto questi stessi problemi di sostenibilità dello sforzo di bilancio per allestire la propria flotta, e che aerei e piloti olandesi, norvegesi, danesi o belgi, anche loro arrivino a limitare il numero di ore volato per non prosciugare il bilancio della difesa del proprio Paese, contribuendo nel contempo a una significativa riduzione dell'efficienza delle forze aeree europee, anche se la situazione di una geostrategica in divenire richiederebbe esattamente il contrario. Tutto ciò, ovviamente, infligge un nuovo colpo alla credibilità delle argomentazioni avanzate dalle autorità svizzere e da Armasuisse, sia per quanto riguarda gli aspetti economici, operativi e di gestione del rischio. il suo arbitrato reso una settimana fa a favore dell'aereo americano.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE