Pakistan, Turchia: quando il Qatar addestra i suoi alleati per affrontare il Rafale

Il Qatar è stato uno dei primi due partner della Francia a fidarsi del Rafale di Dassault Aviation, così come vent'anni prima si era fidato del Mirage 2000, il dispositivo essendo stato a lungo la spina dorsale della difesa aerea del piccolo stato. Non solo Doha ha ordinato 24 Rafale da Parigi nel 2015, solo poche settimane dopo il primo ordine di esportazione per l'aereo da parte dell'Egitto, ma ha ordinato, due anni dopo, una dozzina di unità aggiuntive, nonché l'ammodernamento dei suoi galleggianti al Norma F3R. In questo senso Doha ha sicuramente giocato un ruolo importante nel successo che oggi conosciamo del Rafale. Tuttavia, da diversi anni, la vicinanza dell'Emiro del Qatar con il movimento dei Fratelli Musulmani, oltre che con Turchia e Pakistan, pone seri problemi a diversi alleati della Francia nella regione, oltre che alle autorità francesi.

Nelle ultime settimane, il disagio è aumentato quando Doha ha portato il suo Rafale appena acquisito in un'esercitazione su larga scala in Turchia, consentendo alle forze aeree del paese, ma anche alle forze aeree azere e pakistane, che partecipavano anche loro durante l'esercitazione, di familiarizzare con le prestazioni dell'apparato francese. Tuttavia, il Rafale costituisce un fulcro dell'arsenale difensivo di Atene contro Ankara, proprio come il miraggio 2000, e lo stesso vale per l'indiano Rafale, perni della componente aerea della deterrenza indiana contro Cina e Pakistan, oltre che del suo aereo difesa. Da allora in poi, i media dei due paesi clienti e alleati della Francia erano abbastanza logicamente preoccupati di vedere i loro principali avversari allenarsi contro Rafale Qatari avere, più o meno, le stesse prestazioni e gli stessi armamenti di quelli che equipaggeranno o equipaggeranno le proprie forze aeree .

Bisogna riconoscere che i Rafale del Qatar hanno una livrea particolarmente riuscita!

Ricordiamo il ruolo decisivo svolto dal Mig-21 iracheno recuperato nel 1966 dai servizi segreti israeliani al termine di una missione di 4 anni conclusasi con la defezione di un giovane pilota e del suo aereo, e che ha trovato tutta la sua giustificazione durante il Guerra dei 6 giorni, quando i piloti del miraggio israeliani conoscevano perfettamente le capacità di manovra e i punti ciechi del nuovo caccia sovietico che equipaggiava le forze aeree egiziane, irachene e siriane. Peggio se si può dire che i due alleati di Doha, il turco RT Erdogan e il pachistano I. Khan, hanno rapporti più che tesi, e talvolta anche conflittuali con la stessa Francia, come dimostrano le scaramucce tra le marine francesi e turche nel Mediterraneo orientale negli ultimi anni. Tuttavia, Doha non sembra essere commossa da questa situazione, né dalle probabili discrete proteste di Parigi sul tema. Ricordiamo che le autorità francesi hanno posto la Turchia sotto embargo sulle armi a seguito dell'intervento dei suoi eserciti in Siria contro le forze curde alleate con la Francia. Così, Parigi ha bloccato l'esportazione di elementi di armatura per il carro armato Altay e ha posto il veto allo sviluppo da parte dell'Italia di un sistema di difesa antiaereo in cooperazione con Ankara basato sul sistema Aster.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE