L'US Air Force vuole progettare il programma NGAD come una famiglia di caccia da combattimento

Dall'inizio degli anni '70 e dall'arrivo dei primi sistemi digitali a bordo degli aerei da combattimento, pochissimi programmi di sviluppo si sono concentrati sullo sviluppo, non di un dispositivo, ma di una famiglia di dispositivi collegati dalla stessa base tecnologica. , come nel caso del Mirage III famiglia o F4 Phantom II. Nella migliore delle ipotesi, stavano emergendo alcune versioni specializzate, come l'EA18G Growler derivato dall'F/A 18 F Super Hornet per la guerra elettronica, o l'F15E Strike Eagle derivato dall'F15C Eagle per l'assalto. L'unica famiglia di aerei da combattimento che è riuscita davvero ad affermarsi negli ultimi 50 anni non è altro che quella sovietica/russa Flanker che vedrà, dalla superiorità aerea Su-27, la progettazione del biposto Su-30. versatile, il Su-33 di bordo, il Su-34 da bombardamento a lungo raggio e, nella sua versione definitiva, i Su-35, mentre allo stesso tempo, e sulla stessa base, la Cina ha sviluppato il J-11 di superiorità , il J15 di bordo e il J-16 multi-missione a due posti, questi ultimi due che hanno anche dato origine alle versioni di guerra elettronica J15D e J16D.

I limiti dell'attuale dottrina industriale

Versatilità, scalabilità e produzione di massa erano state infatti elevate al rango di dogma assoluto sia dai costruttori che dalle forze aeree, che la vedevano come una risposta all'inesorabile aumento dei costi di acquisizione e possesso di velivoli da combattimento, procedendo molto più velocemente dei budget. delle forze aeree che dovrebbero attuarli. Ed infatti, l'attuale generazione di aerei da combattimento, come l'F35, il Rafale o il Typhoon, rappresentano il culmine ultimo di questa dottrina, con velivoli capaci di svolgere tutte le missioni dello spettro e di evolversi nel tempo per restare al vertice della piramide tecnologica del momento. L'US Air Force partecipò attivamente alla promozione di questo modello, prima attraverso l'F15 e l'F16, poi l'F35A, a lungo considerato il caccia per eccellenza dal Pentagono, finché i compromessi indispensabili per arrivare a questa difficile equazione non esplosero di fronte a strateghi americani, ed è diventato ovvio che la sostenibilità di un tale modello ha portato a una spesa così eccessiva che essi porterebbe all'atrofia delle stesse forze aeree. L'allora direttore delle acquisizioni della US Air Force, il dottor Will Roper dimostrò che i costi aggiuntivi legati alla versatilità e scalabilità richieste da questo modello, nonché le conseguenze sul tessuto industriale americano delproduzione su larga scala, era diventata, nell'ambito del programma F35, controproducente e svantaggiosa sia per la pianificazione che per l'attività operativa dell'aeronautica statunitense.

L'ex direttore delle acquisizioni e dello sviluppo dell'aeronautica statunitense Will Roper è stato un forte sostenitore di una nuova dottrina di sviluppo di aerei da combattimento come parte di una nuova "Serie del secolo"

Purtroppo, nel frattempo, il programma della Lockheed-Martin era diventato così gigantesco e polimorfo che era quasi impossibile per l'aeronautica statunitense reindirizzare i propri investimenti verso un approccio più pragmatico, e soprattutto più adatto alle sfide poste dall'ascesa di le forze armate cinesi e russe. Con 250.000 posti di lavoro sparsi in 48 dei 50 stati americani, il programma F35 è, infatti, politicamente intoccabile, e la minima dichiarazione che potrebbe minarlo comporta una reazione immediata di molti parlamentari americani, ma anche potenti organizzazioni sindacali del Paese. Per uscire da questa impasse, la US Air Force sembra puntare sul Next Generation Air Dominance Program, o NGAD, per cui potrebbe raggiungere i suoi fini nonostante la feroce opposizione dell'ecosistema F35.

Trasforma il programma NGAD in una famiglia di dispositivi


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE