La sostituzione dei T72 indiani è un'opportunità unica per Nexter e l'esercito francese

All'inizio di giugno le autorità indiane hanno rilanciato ufficialmente il programma Future Ready Combat Vehicles, o FRCV, con l'obiettivo di acquisire 1700 veicoli corazzati pesanti per sostituire circa 2200 carri armati T72 attualmente in servizio con le forze armate del paese. Una richiesta di informazioni è stata inviata a circa 12 produttori di carri pesanti: il russo Uralvagonzavod per il T90M e il T-14 Armata, l'americano General Dynamics per l'M1Ax Abrams, il tedesco Krauss-Maffei Wegman per il Leopard 2, il sudcoreano Rotem per il K2, il turco Otokar per l'Atlay, il serbo Yugoimport per l'M-84, l'ucraino Malyshev per il T-84, l'italiano Leonardo per l'Ariete, l'israeliano Mantak per il Merkava, il britannico BAe per il Challenger, l'agenzia indiana DRDO per un carro armato di fabbricazione locale e il francese Nexter per il Leclerc. L'obiettivo annunciato è quello di costruire entro la fine del decennio i 1700 mezzi corazzati, gran parte dei quali sono carri armati, ma anche veicoli specializzati per comando, genio, artiglieria mobile e difesa aerea. Fabbriche indiane nel rispetto del “Make in India” caro al presidente Modi.

Tuttavia, tra questo impressionante elenco di produttori, molti sono quelli che offrono carri armati considerati troppo pesanti per il teatro indiano, come nel caso dell'americano M1 Abrams e Leopardo tedesco 2, visualizzando più di 70 tonnellate sulla bilancia. Altri, come il serbo M84 e l'italiano Ariette, non offrono le moderne capacità di combattimento avanzate richieste, poiché l'armatura non è più completamente supportata dal produttore. Altri finalmente mancano di maturità tecnologica, come il turco Atlay. Infatti, durante la precedente versione di questo bando di gara, si erano distinti per le autorità indiane 4 veicoli blindati: il sudcoreano K2, l'ucraino T84, e soprattutto il russo T14 e il francese Leclerc, che erano i favoriti. annullato. Ed è vero che grazie alla sua massa di sole 55 tonnellate, alla sua grande mobilità grazie al suo motore da 1500 CV, e l'eccellenza della sua torretta e il suo sistema di puntamento dinamico, Leclerc ha risposto in molti modi ai bisogni indiani. Tuttavia, dal 2015 la situazione è cambiata in modo significativo, sia dal punto di vista tecnologico che industriale, e soprattutto per quanto riguarda la geopolitica globale. E di fronte a questi nuovi parametri, il programma FRCV può rappresentare, per la Francia, molto più di un'opportunità commerciale, diventando una quota strategica per restituire all'Esercito le capacità necessarie e sufficienti. in combattimenti ad alta intensità.

1600 dei circa 2200 T72 indiani sono stati modernizzati dal DRDO per aumentarne la protezione e l'efficacia in combattimento

Allo stato dell'attuale programmazione militare francese, l'Esercito non avrà, da qui 2035 e il presunto arrivo dei primi esemplari di carri armati del programma franco-tedesco MGCS, 200 carri armati Leclerc modernizzati integrati nel programma Scorpion, vale a dire appena 3 reggimenti di corazzieri. Allo stesso tempo, l'artiglieria semovente sarà composta da 110 cannoni CAESAR e una cinquantina di mortai semoventi da 120 mm. Questi elementi di pianificazione sono chiaramente insufficienti quantitativamente, ma anche qualitativamente, per far fronte alle sfide alla sicurezza negli anni a venire. Come annunciato negli ultimi anni dai Capi di Stato Maggiore delle Forze Armate e dell'Esercito, gli eserciti francesi non hanno, oggi, la massa necessaria per sostenere un impegno ad alta intensità nel tempo. È proprio in questo contesto che il programma FRCV costituisce un potenziale strategico.

Infatti riavviare una catena di montaggio per produrre qualche centinaio di serbatoi Leclerc avrebbe, da un punto di vista industriale e commerciale, ben poco interesse, i costi delle strutture arrivando ad appesantire eccessivamente i costi di produzione, e quindi la competitività del serbatoio durante le competizioni internazionali così come il bilancio degli eserciti. D'altra parte, può essere rilevante offrire alle autorità indiane una partnership avanzata in cui l'industria francese agirà come fornitore di tecnologia e partner industriale, mentre gli eserciti francesi agiranno come clienti del programma stesso, sfruttando la effetti di soglia generati dalla produzione cumulativa di 1700 veicoli corazzati per gli eserciti indiani e circa 300 o 400 veicoli corazzati per rafforzare la componente ad alta intensità dell'esercito francese. Oltre all'acquisizione di ulteriori carri armati pesanti modernizzati, ciò consentirebbe anche agli eserciti francesi di unire i costi di sviluppo con l'India per versioni specializzate come artiglieria mobile, ingegneri, comando, guerra elettronica o anti-difesa. anche gravemente carente nell'esercito.

I Leclerc degli Emirati Arabi Uniti a quanto pare hanno dato soddisfazione durante il loro intervento in Yemen, soprattutto durante i combattimenti nelle aree urbane, e grazie all'ottima mobilità e disponibilità, serviti è vero da un esemplare supporto logistico da parte degli eserciti degli Emirati Arabi Uniti. .

Organizzato in questo modo, un tale programma potrebbe beneficiare contemporaneamente della qualità della progettazione e della produzione della francese BITD, e in particolare di Nexter, ma anche, in forma supervisionata, di minori costi di produzione legati a grandi volumi nonché a minori costo del lavoro in India, tanto da rendere la famiglia dei mezzi blindati pesanti così prodotti attraente nel panorama internazionale, tanto più che la Francia sembrerebbe, ufficialmente, il primo 'cliente d'esportazione' di questa produzione. Va notato che l'impatto sulla politica interna di un tale simbolo, gli eserciti francesi, clienti dell'industria della difesa indiana, sarebbe senza dubbio significativo in India e rappresenterebbe un argomento pesante per rendere attraente questo modello per le autorità politiche. nazione. Per la Francia rappresenterebbe anche molte attrattive, oltre all'attività economica e industriale che genererebbe, rafforzerebbe il segmento alto delle forze armate e quindi estenderebbe il peso degli eserciti francesi in Europa e nel mondo . .

Altri programmi e concorsi internazionali in cui sono impegnate oggi le industrie della difesa francesi rappresentano un potenziale interesse misto comparabile, consentendo contemporaneamente di aumentare l'attività industriale nazionale rafforzando al contempo le capacità operative delle forze armate, estendendo il loro formato e quindi la loro resilienza all'impegno . Uno dei più importanti è il programma di sostituzione del Mirage 2000-9 acquisito dagli Emirati Arabi Uniti nei primi anni 2000 dalla Francia, con un numero equivalente di aerei Rafale, con una clausola di acquisizione da parte della Francia dei Mirages precedentemente venduti. Tuttavia, questi velivoli ad alte prestazioni potrebbero effettivamente rappresentare un importante contributo al rafforzamento della Space Air Force, che sappiamo essere gravemente sottocapacità, soprattutto perché hanno ancora una quindicina di anni di potenziale di volo, e che sono straordinariamente ben equipaggiati sia per missioni di difesa aerea che per supporto tattico.

Il miraggio 2000-9 degli Emirati Arabi Uniti potrebbe rappresentare un potenziale significativo se dovessero unirsi all'Air Force come parte di un ordine Rafale da Abu Dhabi

In ogni caso, sembra ora importante che la Francia si doti di un meccanismo di esportazione flessibile e agile in grado di integrare in modo ampio e dinamico, nelle sue offerte, il potenziale di sviluppo delle capacità operative deficitarie degli eserciti francesi. , nel quadro della attuale evoluzione geopolitica globale. Pertanto, l'esportazione di sistemi d'arma andrebbe oltre la sua attuale percezione di capacità puramente industriale, vale a dire un mezzo per raggiungere le soglie minime di attività per mantenere l'autonomia strategica industriale e tecnologica in termini di Difesa, per raggiungere una dimensione di capacità operativa, partecipando direttamente al rafforzamento degli eserciti francesi. Questo approccio consentirebbe, in particolare, di cogliere opportunità attualmente inaccessibili a causa della stessa compartimentazione dei programmi al di fuori della cooperazione interstatale particolarmente gravosa e restrittiva come nel caso di SCAF e MGCS, e di vincere nelle competizioni. , come ha fatto Berlino con Oslo nell'area dei sottomarini d'attacco.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE