I droni da combattimento turchi moltiplicano i successi commerciali

I droni TB2 e ANKA hanno avuto un'enorme esposizione mediatica durante la guerra del Nagorno-Karabakh nel 2020, durante la quale, insieme alle munizioni erranti Harop e Harpie di origine israeliana, contribuirono notevolmente al successo delle forze armate azere sulle forze armene. Da allora, Ankara ha moltiplicato i contratti e le trattative in esclusiva per esportare le sue preziose attrezzature, contribuendo a posizionare il paese tra le prime tre nazioni del mondo in quest'area, con gli Stati Uniti e la Cina. Infatti, oltre agli eserciti turchi e azeri, droni turchi sono stati ordinati negli ultimi mesi da Ucraina, Qatar, Marocco, Polonia e Tunisia, mentre anche Bulgaria e Lettonia hanno avviato trattative con Ankara per acquisire questi sistemi.

C'è da dire che i droni turchi, e in particolare il famoso TB2 della compagnia Baykar, hanno argomenti da sostenere. Con un peso massimo al decollo di soli 650 kg, il TB2 è molto più leggero di velivoli come l'americano General Dynamics MQ9 Reaper o il cinese CAIG Wing Loong II, con rispettive masse massime di 4,8 tonnellate e 4,2 tonnellate. Tuttavia, il TB2 può ancora trattenere l'aria per 27 ore, o sostanzialmente tanto quanto le sue controparti. Naturalmente, non può trasportare un arsenale avanzato come i 4 missili aria-superficie AGM-114 Hellfire implementati dal Reaper, o i 6 HJ-10 del cinese Wing Loong II. Ma il velivolo turco è dotato di munizioni leggere perfettamente adatte alle sue dimensioni, come le munizioni leggere aria-terra di precisione MAM-L e MAM-C, rispettivamente da 22 e 6,5 kg, e in grado di colpire bersagli a 8 e anche 14 km per il MAM-L. La testata trasportata non distrugge un carro armato, ma è abbastanza potente da danneggiarlo gravemente e costringerlo a ritirarsi dal combattimento. Per bersagli meno protetti, invece, il danno inflitto può essere notevole.

Il successo del TB2 è in parte spiegato dallo sviluppo di munizioni aria-terra leggere perfettamente adattate al drone, come il MAM-L (22 kg) e il MAM-C (6,5 kg)

Tuttavia, il TB2 soffre di un grosso handicap, quello di non avere, per il momento, una stagione satellitare che permetta di dirigere il drone oltre il raggio della "linea di vista". Tuttavia, l'azero TB2 ha fatto la parte del leone nella distruzione di veicoli corazzati, fortificazioni e sistemi antiaerei armeni nell'autunno del 2020, sia con attacchi diretti che, più spesso, guidando attacchi con missili o artiglieria, contribuendo alla distruzione di oltre la metà dei veicoli corazzati persi dall'Armenia in questo conflitto. Inoltre, Bayraktar, il produttore, ha annunciato che le prossime versioni della TB2 saranno dotate di collegamento satellitare, ma anche di una sfera elettro-ottica prodotta localmente, dopo Canadian Wescam ha deciso di ritirare la licenza di esportazione dalla Turchia riguardante la palla CMX-15D a seguito dell'offensiva turca nel nord della Siria contro le forze curde nel 2019.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso agli articoli di notizie, analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti. L'abbonamento deve essere sottoscritto il il sito web di Meta-Defense


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE