La Cina ha ufficialmente la massima priorità per il Pentagono ora

Come sappiamo, molti servizi del Pentagono stimavano da qualche anno, se non qualche mese, che l'ascesa della forza militare cinese fosse diventata la principale minaccia per gli Stati Uniti e i suoi alleati, nel teatro del Pacifico come nel mondo. . Ma una direttiva riservata di cui è stato informato il sito americano BreakingDefense.com, mostra che d'ora in poi è tutto il Pentagono a considerare questa minaccia la priorità delle armate americane, al punto da affidarne il pilotaggio esclusivo allo stesso Segretario alla Difesa, il generale Lloyd Austin, che hanno il compito di definire e attuare la politica “cinese” del Pentagono. Si tratta di un evento di rara rilevanza negli Stati Uniti, perché anche i Segretari della Difesa più influenti, come Donald Rumsfeld o Robert McNamara, non sono mai stati a capo di una missione così specifica nei confronti di un potenziale avversario importante.

Questa nomina conferisce al Segretario della Difesa ampi poteri decisionali e di controllo su molti aspetti, in particolare sull'attuazione della nuova dottrina Joint Warfighting che, molto più dello sviluppo di nuovi sistemi d'arma o di nuove tecnologie offensive, costituisce il cuore della risposta a breve termine degli eserciti americani per contrastare il potere cinese negli anni a venire. Se il cuore di questa dottrina si basa sul sistema Joint All-Domain Communication & Command, o JADC2, sviluppato dalla US Air Force, la sua gestione è ora affidata direttamente al Segretario Austin, mostrando chiaramente il ruolo decisivo che questo nuovo approccio rappresenta per il Pentagono.

La dottrina JADC2, volta ad aumentare e ottimizzare lo scambio di informazioni e la cooperazione tra tutte le unità presenti sul campo di battaglia o a supporto dello stesso, è al centro della strategia americana per rispondere in tempi brevi all'ascesa al potere delle forze armate cinesi forze.

Gli aspetti tecnici e operativi non sono gli unici a rientrare nel perimetro delle nuove attribuzioni del Segretario alla Difesa americano. Infatti, e in concomitanza con gli sforzi compiuti da Joe Biden sin dal suo insediamento, ei cui primi effetti si faranno sentire durante l'attuale tournée europea del presidente americano, Lloyd Austin avrà anche il compito di consolidare la rete di alleanze degli Stati Uniti. Uniti, sia nel Pacifico come nel resto del pianeta, per presentare un fronte unito di “democrazie occidentali” contro la Cina, e quindi, si spera, per dissuaderla dall'attuazione di politiche potenzialmente molto serie e rischiose. Pensiamo naturalmente alla situazione nel Mar Cinese Meridionale, dove Pechino rivendica il pieno possesso della maggior parte degli isolotti e degli scogli elencati su basi “storiche”, in piena contraddizione con le normative internazionali, creando un numero crescente di aree di tensione con i suoi vicini. come Giappone, Vietnam, Indonesia e Filippine.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

Abbonamento mensile a € 5,90 al mese - Abbonamento personale a € 49,5 all'anno - Abbonamento professionale a € 180 all'anno - Abbonamento studenti a € 25 all'anno - Codice promozionale escluso -


Scarica il fileApp mobile Meta-Defense per IOS o Android essere informato delle nuove pubblicazioni mediante notifica.

Disponibile su Google Play
Disponibile su Apple Store

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE