DD (x), SSN (x) o NGAD, la US Navy non sarà in grado di finanziare tutti e 3 contemporaneamente

Pur avendo un budget unico pari a quello di Germania, Francia e Regno Unito, la Marina degli Stati Uniti oggi affronta una situazione di pianificazione molto complessa. Infatti, dopo 30 anni di errori di budget e programmi troppo ambiziosi ed eminentemente costosi per piccole applicazioni operative, come Corvette LCS, i cacciatorpediniere Zumwalt o i sottomarini d'attacco nucleare Seawolf, la Marina degli Stati Uniti si trova a dover far fronte a molti programmi imperativi da finanziare per rinnovare e modernizzare le sue attrezzature, e un budget federale già in alto limite, non offrendo solo bassi margini di crescita nel futuro. È in questo contesto che il segretario ad interim della Marina Thomas Harker ha scritto il 4 giugno un promemoria indicando che con le attuali previsioni di bilancio per il bilancio 2023, la Marina degli Stati Uniti non potrebbe finanziare contemporaneamente i tre principali programmi di ricerca e sviluppo in corso, ovvero il programma DD(x) destinato a sostituire i cacciatorpediniere Arleigh Burke generazione e incrociatori Ticonderoga, il programma SSN (x) destinato a rafforzare la flotta sottomarina offensiva statunitense e il programma Next Generation Air Dominance o NGAD, che porta lo stesso nome del programma dell'aeronautica statunitense senza esservi collegato, e chi deve progettare il sostituto del Super Hornet a bordo delle portaerei della US Navy.

In effetti, la scelta di fronte agli strateghi del Pentagono, all'amministrazione Biden e al Congresso è già stata in parte ripulita, dal momento che il programma di lancio di sottomarini nucleari SSBN (x) Columbia è santuario, poiché ora è necessario sostituire i sottomarini di classe Ohio risalenti dagli anni '80 per mantenere un efficace atteggiamento dissuasivo. Inoltre, la Marina degli Stati Uniti continuerà il ramp-up del programma FFG (x) delle fregate di classe Constellation, che rafforzerà il corpo di battaglia di superficie americano, mentre le portaerei nucleari di classe Ford le trasporteranno. elicotteri classe Virginia, sottomarini da attacco nucleare classe Virginia e cacciatorpediniere Arleigh Burke Flight III continueranno a essere prodotti, e che i caccia stealth F35C, gli aerei di rilevamento Occhio di Falco E-2D, gli aerei P-8 Poseidon Maritime Patrol e Droni di rifornimento aria-aria MQ-25 Stingray continuerà ad essere acquisito. La Marina degli Stati Uniti sarà quindi tutt'altro che indigente, poiché sotto molti punti di vista ognuno di questi equipaggiamenti rappresenta l'apice della tecnologia attuale, ed è tra i migliori equipaggiamenti militari esistenti.

Il 4 giugno ha avuto luogo il primo rifornimento in volo di un Super Hornet F/A 18 F da parte di un drone Stingray MQ-25, segnando una prima mondiale e aprendo la strada all'imminente arrivo del drone di Boeing all'interno della US Navy

Tuttavia, come l'esercito degli Stati Uniti e il suo programma BIG 6, e l'aeronautica americana con NGAD, la Marina degli Stati Uniti è ora spronata dagli enormi progressi compiuti dalle industrie della difesa cinese e russa, entrambe avendo colmato in molte aree la loro arretratezza tecnologica nei confronti -à-vis l'Occidente in pochi anni, ed essendo stato strutturato per offrire una produttività significativa. Infatti, se l'Arleigh Burke Flight III, Virginia e altri Super Hornet e F35C saranno ancora in grado di resistere alle forze cinesi e/o russe negli anni a venire, sembra molto probabile che entro il 2030 o 2035, queste saranno superato dalle apparecchiature di nuova generazione che entreranno in servizio a Pechino o Mosca. Proprio qui sta il nodo gordiano per la Marina degli Stati Uniti, che ha effettivamente bisogno di questi 3 programmi entro il 2035, e che ad oggi non ha alternative del tutto soddisfacenti.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

Abbonamento mensile a € 5,90 al mese - Abbonamento personale a € 49,5 all'anno - Abbonamento professionale a € 180 all'anno - Abbonamento studenti a € 25 all'anno - Codice promozionale escluso -


Scarica il fileApp mobile Meta-Defense per IOS o Android essere informato delle nuove pubblicazioni mediante notifica.

Disponibile su Google Play
Disponibile su Apple Store

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE